Lo zenzero (nome scientifico Zingiber officinale Roscoe), è una pianta erbacea perenne appartenente alla famiglia delle Zingiberacee ed originaria dell’estremo oriente. Anche conosciuto con il nome inglese Ginger, lo zenzero presenta un rizoma sotterraneo, particolarmente apprezzato a scopi medicinali, poiché ricco di ricco di olio essenziale, gingerina, zingerone, resine e mucillagini, ma anche largamente utilizzato in cucina per insaporire dolci, piatti di carne e salse.

Grazie al suo sapore caratteristico e pungente, lo zenzero rivela una notevole versatilità in cucina, ma in Europa è soprattutto apprezzato per i famosi biscotti pan di zenzero (Gingerbread), che, per quanto originari del Nord, fanno di questo ingrediente, al pari della cannella, una spezia ormai quasi ovunque legata al Natale.

Lo zenzero è tuttavia molto utile anche per sostenere il sistema immunitario e per questo utilizzato, attraverso tisane e infusi, sia per la prevenzione che il trattamento del raffreddore, tipico malanno del periodo invernale. Si rivela quindi d’aiuto contro tosse e catarro e grazie alle sue proprietà antisettiche e antinfiammatorie, è utile in caso di infiammazioni alla gola, allevia il mal di testa, riduce i dolori articolari e muscolari e allevia le infiammazioni di stomaco ed esofago.

Altra motivo che rende il consumo di zenzero particolarmente indicato nel periodo natalizio è la sua spiccata attività digestiva, sempre utile nel caso in cui i lauti pranzi del 25 e 26 dicembre si trasformino in pesanti macigni sullo stomaco. Per digerire meglio, un pezzetto di zenzero fresco è infatti quel che ci vuole dopo un pasto abbondante! Le sue proprietà carminative aiutano inoltre a rilassare i muscoli gastrointestinali contrastando i crampi, mentre recenti studi hanno confermato la straordinaria efficacia dello zenzero contro la nausea e l’Helicobacter pylori, batterio responsabile delle ulcere allo stomaco. La spezia è infine in grado di combatte la diarrea, riequilibrare la flora batterica e favorire l’eliminazione dei gas intestinali.

Il rizoma di zenzero si rivela inoltre un buon anticoagulante, contrastando la formazione di coaguli nelle arterie ed abbassando la pressione arteriosa, nonché intervenendo positivamente sui livelli di colesterolo e zuccheri nel sangue, sempre in impennata dopo le abbuffate natalizie.

Le proprietà dello zenzero sono tuttavia preziose anche dopo le Feste, poiché in grado di sciogliere i grassi e risvegliare il metabolismo, aiutando a smaltire i chili accumulati. Il suo inconfondibile pizzicore, svolge inoltre un’azione benefica contro infezioni e contribuisce allo smaltimento delle tossine, stimolando la diuresi e svolgendo al contempo una preziosa azione contro spossatezza e stanchezza.