Se c’è un animale inviso anche al più appassionato vegetariano o vegano, si tratta sicuramente della zanzara. Questi insetti fastidiosi sono una vera tortura in estate, ma con l’arrivo delle specie asiatiche (come la zanzara tigre), siamo sempre più spesso vittime di punture anche quando le temperature scendono. E la domanda sorge spontanea: le zanzare sopravvivono anche in inverno e ai climi freddi?

CONVIVERE CON LE ZANZARE TUTTO L’ANNO

La risposta è sì. Nel caso della Aedes albopictus (la zanzara tigre), ad esempio, sebbene provenga da zone tropicali e subtropicali, si sta adattando con successo anche a regioni più fredde. Se è vero che quando si trova in zone temperate tende a svernare in aree più calde, gli studi su questa specie invasiva stanno dimostrando che le uova delle varietà presenti nelle zone temperate tollerano meglio il freddo (sopravvivendo anche temperature sotto zero e neve). Ma non solo di uova e larve parliamo: anche le zanzare tigre adulte possono sopravvivere durante l’inverno in microhabitat adeguati.

LA ZANZARA TIGRE

La zanzara tigre è lunga dai 2 ai 10 millimetri e si riconosce per le sue vistose striature bianche e nere sul corpo. A differenza di altre specie (come la zanzare Europea), la zanzara tigre è attiva durante tutto il giorno, e non solamente all’alba o al tramonto, punge rapidamente (provocando dolore più acuto rispetto alle specie autoctone) e fugge altrettanto velocemente.Il punto debole di questa zanzara è che depone le uova in piccoli contenitori con piccole quantità di acqua: vasi, sottovasi, fognature otturate, grondaie, recipienti di scarto… dunque la zanzara tigre ha un limitato raggio d’azione (meno di 200 metri) ed è più semplice individuare i luoghi in cui può deporre le uova. Si riscontra inoltre una sua forte resistenza a veleni comuni ed una straordinaria capacità di adattamento all’ambiente.

LA ZANZARA TIGRE E’ PERICOLOSA?

La zanzara tigre è inserita nell’elenco delle 100 specie aliene più dannose del mondo dell’ISSG: la sua caratteristica principale è la sua aggressività ed il fatto di essere attiva sia di giorno che di notte, ma la vera pericolosità di questa specie sta nel fatto che è in grado di trasmettere patogeni e virus come il virus della febbre del Nilo, della febbre gialla, dell’encefalite di St. Louis, del dengue, l’agente patogeno della dirofilariasi e chikungunya.

OCCHIO ANCHE AI VOSTRI PET

Ma la zanzara tigre non è pericolosa solo per l’uomo: poiché si nutre anche di sangue animale, è vettore di vermi parassiti del genere Dirofilaria, agenti della dirofilariasi cardiovascolare in cani e gatti.

COME DISFARSI DELLA ZANZARA TIGRE

I luoghi dove è impossibile evitare la presenza di acqua (piscine, bacini di cattura, pozzanghere, grondaie, sottovasi ecc.) possono essere trattati periodicamente con il Bacillus thuringiensis israelensis (Bti) o un altro larvicida. Il Bti è un batterio che produce delle tossine in grado di uccidere le larve delle zanzare e certi altri ditteri, senza però essere nocivo ad altri organismi.

E l’insetticida? In realtà l’applicazione di insetticidi contro le zanzare adulte ha soltanto un effetto limitato. Gli spray usati di notte contro le zanzare non hanno alcun effetto se non si trattano anche i luoghi di riposo delle zanzare tigre (fate attenzione, perché usare lo spray durante il giorno può violare le indicazioni per il corretto impiego descritto sulla confezione quando, ad esempio, sono presenti nell’area api in cerca di polline).

La convivenza, insomma, si fa dura. Non stupitevi se questi insetti vi accompagneranno per tutto l’inverno: l’unico rimedio è quello di monitorare bene l’ambiente in cui vivete ed evitare ristagni d’acqua.