Le prime giornate di sole hanno acceso in molti il desiderio di cominciare a fare qualcosa per la propria linea e noi ne approfittiamo per tornare a parlare di una delle diete che sembrano offrire le maggiori garanzie di successo.

Come già detto (leggi qui) e come ampiamente dimostrato da ricerche vecchie e nuove (qui i risultati di alcuni sondaggi), le diete troppo drastiche e sbilanciate sembrano fare più male che bene.

Approfondiamo allora una dieta di sperimentata validità che prevede risultati più lenti, ma anche più duraturi e che garantisce anche un sostegno della motivazione. Parliamo della Weight Watchers di cui abbiamo già presentato sia la versione originale (leggi qui), sia l’erede italiana (leggi).

Come già scritto si tratta di una dieta a punti  che permette di mangiare qualsiasi tipo di alimento nelle giuste quantità, sapendo subito quanto “pesa” nel conteggio giornaliero. Vediamola però meglio in pratica.

I pasti considerati sono quattro (colazione, pranzo, spuntino, cena), e devono essere consumati a intervalli regolari. Gli unici divieti riguardano gli alcolici e le bevande zuccherate.

Tanto per dare un’idea, un menù giornaliero da 26 punti, vale a dire il punteggio individuale minimo ammesso dalla dieta, potrebbe essere il seguente:

COLAZIONE DA 5 PUNTI
1 vasetto di yogurt parzialmente scremato 2 punti; 100 g di fragole 0 punti, 1 fetta biscottata 1 punto; 2 cucchiaini di marmellata (30 g) 2 punti
oppure
1 tazza di latte scremato (250 ml) 1 punto; 4 cucchiai di corn flakes (20 g) 2 punti; mezzo panino integrale (25 g ) 1,5 punti; una spremuta di pompelmo: 0.5 punti.

PRANZO DA 9 PUNTI
Isalata mista, 0 punti; con carne in scatola, 60 g, 4 punti; 2 cucchiaini d’olio (10 ml) 2 punti: 1 pacchetto di cracker senza sale (5 pezzi, 25 g) 3 punti.

SPUNTINO DA 2 PUNTI
30 g di ricotta 1 punto, mescolato con 1 fetta di ananas sciroppato a pezzetti e 1 cucchiaio del suo succo 1 punto

CENA DA 10 PUNTI
Orecchiette (45 grammi da crude) 4,5 punti, con  100 g di broccoli 0 punti, 1 spicchio d’aglio 0 punti,  5 acciughe sott’olio sgoggiolate (20 g) 1 punto, 1 cucchiaino d’olio (5 ml) 1 punto, sale e peperoncino 0 punti; 150 g di pesce persico al vapore 2,5 punti con 100 g di fagiolini 0 punti e 1 cucchiaino d’olio 1 punto. Più un frutto (100 g) a scelta tra arancia, ananas, albicocche, fragole o ciliegie 0 punti.

Ovviamente per poter seguire la dieta Weight Watchers originale bisogna avere una buona conoscenza dell’inglese per iscriversi al programma online proposto dal  Sito americano al costo di 5 dollari a settimana o a quello britannico circa 30 sterline l’iscrizione + 12 sterline al mese, il prezzo pieno ma hanno promozioni molto convenienti.  Se invece preferite dimagrire in francese o tedesco potete rivolgervi al sito di WW Germania o al  programma online di Weight Watchers Francia. Esiste infine la possibilità di rinunciare a tutta la parte di sostegno e provare a seguire la dieta da soli, calcolandosi punteggio individuale e punteggi di cibi e menù, ma di questo parleremo in una prossima puntata.

photo credit: lynn.gardner via photopin cc