Lupus 1

Vivere con il Lupus: cos'è e chi ne soffre?

Una delle persone più famose affette da Lupus era Michael Jackson: gli fu diagnosticato nel 1984, poco dopo l’uscita del suo album più famoso, Thriller. Agli appassionati di telefilm americani, il nome della malattia ricorderà sicuramente il Dottor House, che con la sua serie tv ha fatto diventare questa malattia prima semi sconosciuta famosa davanti al grande pubblico. In realtà il Lupus è stato considerato per moltissimo tempo una malattia fatale, eppure oggi le cose sono molto migliorate e ci sono persone che hanno imparato a convivere con questa malattia.

CHE COS’E’ IL LUPUS?

Il Lupus è una malattia cronica di tipo infiammatorio, nella quale il sistema immunitario diventa attivo e produce anticorpi che circolano nel circuito sanguigno, causando infiammazioni di vari livelli. Il nome latino deriva dalla violenza di questa malattia, che, appunto, fino a pochi anni fa era considerata letale, proprio come l’animale. Esistono due forme principali di Lupus: la più comune è il Lupus sistemico erimatoso (SLE, Lupus Systemicus Erymathosus) che colpisce gli organi interni; l’altro è il Lupus discoide. Quest’ultimo colpisce solo la pelle e può essere causa di psoriasi.

QUANTE PERSONE SONO AFFETTE DA LUPUS?

Secondo uno studio condotto in Gran Bretagna, nel Regno Unito ne sono affette 50,000 persone, ma la stima è in difetto perché si pensa che molte altre non siano arrivate ad essere diagnosticate. Il Lupus viene riscontrato principalmente nelle donne in età fertile, anche se spesso anche i bambini possono esserne affetti. Il rapporto tra donne e uomini affetti da Lupus è di 9 a 1. In più, il Lupus viene riscontrato maggiormente in persone di origine afro-caraibica o caucasica (come lo è la maggior parte di noi), anche se nel mondo moderno comincia ad essere difficile distinguerne l’incidenza per etnia o provenienza geografica: tutti possono essere affetti da Lupus.

Vedremo presto quali sono i sintomi, come si arriva ad una diagnosi, quali le cure ed anche come convivere con questa malattia…

Lascia il tuo commento