La salute delle ossa deve essere una delle principali preoccupazioni di ogni uomo o donna che si avvicina alla mezza età. Infatti, andando avanti con l’età, si fa sempre più concreto il rischio di soffrire di osteoporosi, una patologia che si manifesta con una perdita di massa ossea dello scheletro, condizione che lo porta ad essere molto più soggetto a fratture.

Per combattere l’osteoporosi è necessario assicurarsi che nella propria alimentazione ci siano adeguati apporti giornalieri di Vitamina D e di calcio.

Sono queste le due sostanze essenziali per la conservazione della salute delle ossa. La vitamina D si trova in pochi alimenti – tra questi troviamo l’olio di fegato di merluzzo,  i pesci grassi (come i salmoni e le aringhe), il latte e i latticini, le uova e le verdure verdi – e la sua sintesi nell’organismo umano avviene solo se ci si espone al sole. Sarebbe sufficienti tre esposizioni settimanali, ma il problema si trova proprio in questo passaggio in quanto, nonostante nel nostro paese non manchino occasioni per esporsi al sole, il 75% degli italiani di età superiore ai 60 anni ha una carenza di vitamina D.

Lo stesso si può dire anche per il calcio che, anche se contenuto in diversi alimenti, con l’avanzare dell’età diventa sempre più difficile da assorbire. Per questo gli esperti consigliano di usare, in caso di necessità, anche degli integratori alimentari al fine di prevenire questa mancanza. In entrambi i casi si dovrebbe trattare di una somministrazione giornaliera, che sia in grado di dare un apporto continuo e costante di questi due elementi, senza provocare dei picchi o degli scompensi che possono rivelarsi estremamente gravi per la salute.