Il Virus Zika di cui tanto ci si sta occupando negli ultimi tempi può essere trasmesso da una zanzara, la Aedes Aegypti. In alcuni Paesi, come il Brasile, questo virus è considerato la causa di molti casi di microcefalia che si stanno verificando ed è per questo che l’attenzione su di esso è piuttosto alta in tutto il mondo. Si teme infatti che il Virus Zika possa diffondersi a macchia d’olio e che le sue conseguenze possano essere inevitabili, visto che almeno per il momento non vi sono soluzioni terapeutiche contro di esso.

La zanzara che diffonde il virus Zika non è ancora giunta in Europa occidentale. O meglio, non è ancora tornata, perché a quanto pare essa era già presente molti anni fa, anche nel nostro Paese, e l’ultimo avvistamento è stato registrato soltanto nel 1972.

Nel nostro continente, però, l’attenzione è puntata soprattutto sulla zanzara che oggi è qui presente, ossia la cosiddetta zanzara tigre. Secondo due studi che sono stati eseguiti uno nel Gabon nel 2007 e uno a Singapore nel 2013, infatti, i virus Zika potrebbe essere trasmissibile anche attraverso la zanzara tigre, anche se la trasmissione che avverrebbe attraverso di lei sarebbe inferiore rispetto a quella che avviene con l’Aedes Aegypty.

Un’evenienza, quella della diffusione tramite zanzara tigre, che porterebbe certamente il virus Zika dalle nostre parti. La diffusione delle zanzare preoccupa soprattutto per i periodi più caldi, quelli in genere favorevoli alla proliferazione di questo tipo di insetti. Il problema più serio in Italia potrebbe quindi presentarsi con l’inizio della stagione di attività biologica delle zanzare: se una persona con il virus Zika nel sangue verrà punta da una zanzara, quest’ultima diventerà portatrice e in grado di infettare le persone che pungerà in seguito.