Pronto il farmaco tutto italiano che cura i sintomi del virus Ebola. E’ stato sperimentato dall’Istituto chimico farmaceutico militare di Firenze (lo stesso in cui sarà coltivata la marijuana per scopi terapeutici), sembra essere efficace contro la febbre emorragica e un’organizzazione non governativa presente in Sierra Leone ne ha già richieste mille dosi. Come ha spiegato la Ministra della Salute Beatrice Lorenzin, il farmaco è un anti emorragico e dunque si limita a curare i sintomi, non a prevenirli (non si tratta di un vaccino, insomma). Ad ogni modo, un gran passo avanti nella lotta contro questa malattia.

Ricordiamo infatti che al momento non esiste alcuna cura specifica per l’Ebola e che gli unici interventi sanitari previsti riguardano appunto il trattamento dei sintomi che di volta in volta la patologia manifesta. L’Istituto chimico farmaceutico militare stava studiando l’anti emorragico per curare le ferite dei militari, e visti gli esiti efficaci, ha deciso che il farmaco sarebbe potuto essere utile anche per fronteggiare l’emergenza Ebola (si sfrutta una molecola che arresta l’emorragia).

Nel caso in cui la cura dovesse essere risolutiva, altri Paesi sono già pronti a farne richiesta.

LEGGI ANCHE

Ebola in Nigeria: nel paese il virus è stato sconfitto

Virus Ebola: colpisce anche il cioccolato, a rischio le produzioni in Costa d’Avorio

Virus Ebola: i Simpson l’avevano previsto? Video

photo credit: Forum PA via photopin cc