Ci pensiamo veramente poco, a quanta roba chimica ci mettiamo quotidianamente in faccia, in testa, sulla pelle o persino in bocca pensando di “pulirci” e di fare qualcosa di buono per la nostra salute. Non c’è da stupirsi, poi, se a forza di non badare di che cosa sono fatti i prodotti che ci mettiamo addosso, un bel giorno ci ritroviamo con allergie, irritazioni, o pure peggio… sviluppare forme di cancro.

A me è successo poco tempo fa: da anni evito di usare prodotti commerciali come saponi, creme, shampoo e dentifrici. Ma a volte, si sa, si va di fretta, e non sempre si ha tempo di passare al negozio biologico di fiducia. E’ stato così che un giorno ho arraffato al supermercato un tubetto di dentifricio commercialissimo, ripromettendomi di passare più in là a comprare il solito dentifricio naturale all’aloe vera. Risultato? Due giorni dopo avevo una bruciatura sulla parete interna della guancia, che mi ha fatto pensare a cosa fosse contenuto in quel dentifricio e a come – ormai disabituata a sostanze tanto aggressive – fosse possibile che milioni di persone lo usino quotidianamente, ormai assuefatte (ma non certo immuni) all’intossicazione lenta e graduale. Ci meritiamo davvero questo trattamento con i soldi che spendiamo e che diamo a queste multinazionali? forse ci meritiamo qualcosa di meglio.

Inutile dirlo, sarebbe bene togliere tutte le schifezze chimiche dai nostri bagni e cercare di scegliere con cognizione di causa i prodotti che ogni giorno ci mettiamo addosso e che penentrano dentro di noi.

Se non sapete da che parte cominciare, ecco cinque semplici passi per cominciare l’opera di pulizia (quella vera) del vostro bagno da tutte le cose che sono dannose per la vostra salute.

UNO: SAPONI SI’, ANTIBATTERICI NO

La parola “antibatterico” sta ovunque. Dal sapone, ai calzini agli utensili per la cucina. Di solito i detergenti antibatterici non sono assolutamente necessari, e molti contengono triclosano, un componente chimico che è dannoso sia per la nostra salute che per l’ambiente, incluso l’inquinamento delle acque che lo contengono. Quando si tratta di lavarci le mani, un buon sapone biologico e acqua faranno il loro lavoro. Se vi serve qualcosa che tenga lontani i germi, semplicemente lavatevi le mani un po’ più a lungo. Negli States si usa cantare “Happy Birthday” due volte mentre ci si lava le mani. Di solito aiuta per eliminare i germi e anche per l’umore.

La seconda regola? Nel prossimo articolo!