Se non siete mai stati in Irlanda e cercate una meta rilassante e circondati da natura e grandi spazi aperti, fateci un pensierino…

Non ero mai stata in Irlanda prima di qualche giorno fa, quando mi si è presentata la scusa di andare a trovare un’amica che vive a Cork, nel Sud dell’Isola. Cinque giorni sono pochi per visitare le bellezze di questa terra, anche se le due ore e mezza di volo che la separano dall’Italia rendono l’Irlanda una meta ideale anche per un solo week-end allungato.

E prima che possiate obiettare: personalmente, sono riuscita a sfatare il pessimismo climatico ed il terrorismo psicologico che amici e conoscenti fanno sempre quando si annuncia la meta del viaggio. Su cinque giorni di permanenza sull’isola, ho incontrato sole e cieli tersi, e temperature più che piacevoli, con caldo di giorno (siamo arrivati quasi a 30°C) e fresco la sera (14-15°C)… Pioggia? Neanche una goccia. Ma anche se fosse stato, non avrebbe certamente rovinato la vacanza.

IRLANDA: UNO STILE DI VITA A MISURA D’UOMO

Più o meno tutti abbiamo in mente un’immagine dell’Irlanda fatta di cieli grigi e coperti, vento, ed enormi prati verdi. Su questo non ci si sbaglia… il paesaggio delle campagne al di fuori delle città è fatto di piccoli villaggi di casette colorate (i tipici cottage irlandesi dai tetti spioventi) e ammassate le une sulle altre longitudinalmente percorrendo in onde colorate i pendii delle colline. Spesso, dall’alto delle strade, si intravede il mare, e da qualche parte c’è sicuramente una chiesa o una cattedrale che si allunga verso il cielo con le sue affusolate guglie gotiche, dominando il paesaggio.

Ma ciò che colpisce realmente è il senso di essere in un luogo a misura d’uomo, perfettamente in simbiosi con la campagna circostante: anche le città più grandi, come Cork e Dublino, sono città che danno un senso di calore e di spazio, senza costrizioni dello sguardo. L’atmosfera è pacifica, gli irlandesi, schivi solo prima di un paio di boccali di birra, si fanno apprezzare per l’allegria e l’accento vivace, la birra e il sidro artigianale e i prodotti caseari e tipici della campagna.

Nonostante le città irlandesi attraggano molte multinazionali e qui vi sia una forte immigrazioni da parte di giovani di tutta Europa per le opportunità di lavoro che offre, tutto resta a una dimensione tradizionale, in una fusione architettonica armoniosa che non disturba. Più pulita rispetto all’Inghilterra (e credetemi… non guasta), l’Irlanda è un’ottima meta per una vacanza in famiglia o anche tra amici: noleggiare un’auto è abbastanza economico e si può sia pernottare da qualche parte per poi spostarsi in itinerari giornalieri, che decidere di vagabondare senza prenotare niente e andare alla scoperta degli angoli più belli e nascosti dell’isola. In ogni caso, sarà una vacanza tranquilla, in cui potrete assaporare una salutare ricongiunzione con gli elementi naturali.

VEGETARIANI, VEGANI E QUATTROZAMPE

Vegetariani e vegani se la possono cavare egregiamente in Irlanda: nonostante i piatti tipici irlandesi siano a base di carni stufate e piatti corposi a base di prodotti caseari, esiste una buona offerta di pane in cassetta, marmellate biologiche, e naturalmente ristoranti indiani, cinesi e thailandesi, dove l’opzione vegetariana e vegana è la norma. Frutta e verdura sull’isola scarseggiano: quella che si trova è cara e spesso importata dall’estero; quella locale è decisamente scarsa e bruttarella. Nonostante questo, si trovano negozietti bio e vegani che offrono zuppe, pizze e focacce vegane, piatti a base di riso e cereali o riso e legumi. Facendo un po’ di attenzione, si sopravvive benissimo.

Naturalmente, è una meta ideale anche per chi vuole viaggiare con i propri quadrupedini casalinghi: grandi passeggiate e tanta erba verde saranno una vera gioia per loro.