La polpa dell’albicocca, ricca di proprietà nutrienti, vitaminizzanti e anti-anemiche, è un cocktail ben equilibrato di sostanze utili: sali minerali (calcio, fosforo, potassio, sodio di silicio) in piccole quantità, proteine, zuccheri, pectina, cellulosa, acidi liberi. Nelle albicocche fresche si trovano inoltre il carotene, le vitamine B1, B2, C e PP. I principi minerali di cui sono ricche le albicocche costituiscono uno stimolo per la funzione emopoietica del fegato, aiutandolo a produrre l’emoglobina, che consente al sangue di trasportare l’ossigeno dai polmoni ai tessuti. Mangiare 40-60 g di albicocche 2 volte al giorno, infatti, è consigliato contro certe forme di anemia.

UN AIUTO NATURALE

Per tutte queste qualità, più che parlare di singoli preparati, è il caso di sottolineare che le albicocche andrebbero mangiate in abbondanza, possibilmente lontano dai pasti (come del resto tutta la frutta). I preparati freschi devono essere usati nella giornata e non si possono conservare a lungo, a causa della fermentazione e dell’ossidazione a contatto con l’aria. Il nocciolo contiene amigdalina, una sostanza velenosa, ed è perciò pericoloso: se ne estrae un olio simile a quello delle mandorle dolci, detto di “armellina”, utilizzato dall’industria dolciaria. Durante la stagione estiva, il succo e la polpa dell’albicocca, per le loro proprietà detergenti, tonificanti e vellutanti, si rivelano un efficace rimedio contro la pelle arida, ma possono essere utilizzati con ottimi risultati anche su pelli normali.

MASCHERA TONIFICANTE

Ecco una maschera da applicarsi 1 volta la settimana: frullate alcuni frutti ben maturi e applicate l’emulsione schiumosa così ottenuta direttamente sulla pelle del viso e del collo per 30 minuti. Risciacquate quindi con acqua tiepida. Se avete la pelle secca, potete aggiungere i frutti, nel frullatore, a una piccola quantità di yogurt.

TONICO DETERGENTE

Centrifugate alcuni frutti o, se non avete la centrifuga, spremeteli a mano: il succo contenuto dovrà essere usato non appena preparato, con l’aggiunta di un po’ di latte, stendendolo con un batuffolo di cotone idrofilo sul viso e collo.