A Natale non c’è bisogno di scuse per lasciarsi andare un po’ e mangiare più cioccolato, ma forse non tutti sanno che il cacao ha anche degli usi terapeutici…

IL CACAO PER L’AFFATICAMENTO FISICO E MENTALE

Usato con moderazione, il cacao si rivela particolarmente adatto per superare stati di affaticamento fisico e mentale grazie alle sue innegabili virtù stimolanti. Un gustoso e corroborante sciroppo, in questi casi, può essere di grande aiuto.

Miscelate in una bottiglia 10 g di estratto fluido di cacao (reperibile in erboristeria) e 90 g di sciroppo di zucchero semplice: otterrete uno sciroppo delizioso. Prendetene un cucchiaio per 3 o 4 volte al giorno. Alternativamente, si può utilizzare una dose di 20-30 gocce di estratto fluido diluito in acqua una volta al giorno: una soluzione meno gustosa ma altrettanto efficace.

Attenzione: il cacao è particolarmente ricco di acido ossalico e non è consigliabile incondizionatamente a coloro che soffrono di calcoli renali, stitichezza cronica, problemi digestivi legati ad acidità di stomaco ed affaticamento del fegato.

IL CACAO PER PROTEGGERE LA PELLE E FAVORIRE L’ABBRONZATURA

Quanto all’uso esterno, chi ha la pelle secca conosce i benefici del cosiddetto burro di cacao, estratto dalla parte grassa del chicco. A temperatura ambiente la sostanza appare solida ma malleabile e, con un massaggio energico e regolare, penetra a fondo e nutre la pelle in maniera naturale e duratura, lasciandola morbida e serica. Il burro di cacao, componente di molti preparati per favorire l’abbronzatura, nel contempo protegge la pelle, contribuendo a rendere  la “tintarella” dorata e luminosa.