Un piccolo intervento chirurgico libererà finalmente da un fastidioso problema tutte le persone affette da iperidrosi, ovvero la tendenza a sudare in modo eccessivo: tendenza che sembra essere oggi in costante aumento.

Si tratta di una nuova tecnica chirurgica messa a punto dall’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Toracica del Policlinico universitario Gemelli di Roma, diretta dal Prof. Pierluigi Granone. L’intervento consiste nell’introdurre nel corpo umano una graffetta in titanio che ha lo scopo di comprimere il nervo simpatico, cioè il nervo che regola la sudorazione.

L’intervento, che viene realizzato in endoscopia, è già stato eseguito su 40 pazienti affetti da iperidrosi e i risultati di questi test sono stati pubblicati dall’European Association for Cardio-Thoracic Surgery. I pazienti vengono normalmente sottoposti ad anestesia generale, ma sono in grado di lasciare la struttura ospedaliera già il giorno seguente.

Per il momento questo tipo di intervento è eseguibile solo in quei casi in cui la patologia si manifesta in maniera particolarmente grave e invalidante e resta comunque a discrezione dello staff medico la decisione sulla sua effettiva necessità. L’iperidrosi è in realtà una patologia che si manifesta già dalla prima infanzia o dall’adolescenza, ma spesso non viene riconosciuta come tale, né dai diretti interessati, né dai loro familiari, che tendono invece a sminuire il problema.