Quando si prova quel fortissimo bruciore allo stomaco, potrebbe capitare di esser affetti da un’ulcera peptica, ovvero una ferita nella mucosa dello stomaco o duodeno: in questo caso bisogna porre la massima attenzione per non peggiorare la situazione.

Esistono diversi tipi di ulcera, la quale prende una denominazione diversa a seconda della zona che colpisce: l’ulcera gastrica colpisce lo stomaco, quella duodenale il duodeno, e l’ulcera esofagea colpisce l’esofago, ma in tutti e tre i casi, generalmente i sintomi risultano essere completamente identici, e per questo solo con qualche test è possibile capire qual’è la zona colpita dall’ulcera, e qual’è appunto il tipo di ulcera che mina la salute di un paziente.

Così come le tipologie, anche le cause che permettono ad un’ulcera di svilupparsi sono tante, e tutte queste, o almeno la maggior parte di esse, è da collegare ad uno stile di vita non proprio sano: alcool e fumo sono infatti le cause che permettono all’ulcera di svilupparsi, e più si assumono questi elementi e più si abusa del proprio corpo, più la percentuale che l’ulcera si manifesti aumenta.

Ma anche lo stress potrebbe essere una causa che fa nascere l’ulcera: i forti attacchi di nervoso, il non riuscire a risolvere determinati problemi, o ancora il non riuscire a calmarsi ed accumulare stress potrebbero essere i fattori che danno la possibilità all’ulcera di presentarsi nel corpo del paziente, con conseguenti dolori e sintomi vari che tutto sono tranne che piacevoli.

Quali sono i sintomi?

Il primo di esso risulta essere un particolare dolore di stomaco, con conseguente bruciore, il quale parte dall’ombelico e arriva allo sterno, con tanto di zona colpita dall’ulcera estremamente infiammata: a differenza del classico bruciore però, questo peggiora quando lo stomaco è vuoto, si manifesta generalmente durante la notte e fa cambiare l’appetito al paziente, che potrebbe cambiare il modo di mangiare inteso come pietanze.

Questo è solo il primo sintomo: quelli più gravi riguardano il fare feci nerissime e ricoperte di sangue, feci che sono anche molto dolorose da espellere, dato che il paziente potrebbe anche non aver quasi nulla da espellere, in quanto il cibo ingerito potrebbe esser pochissimo, e questo quindi potrebbe far provare al paziente una grande sensazione di stanchezza e di disidratazione.

Anche la nausea, e sopratutto il vomito sono differenti: il vomito di un paziente con un’ulcera potrebbe esser composto, per la maggior parte, da sangue di color nero, e quando questo accade bisogna subito recarsi all’ospedale, in maniera tale che vengano prescritti farmaci anti ulcera in grado di eliminare il batterio e di riportare la mucosa della zona colpita proprio dall’ulcera nuovamente normale, senza alcun tipo di ferita.

photo credit: Malingering via photopin cc