Un nuovo farmaco potrebbe essere in grado di curare alcune tipologie di tumore nell’uomo. Questo grazie ad una ricerca condotta da un gruppo di studiosi della Griffith University in Australia che, dopo un lungo studio, avrebbe individuato un nuovo farmaco che riuscirebbe a debellare le cellule tumorali alla cervice, collo, pelle, e utero causate dall’azione patogena del papilloma virus (HPV).

Alisertib, questo il nome del farmaco – noto anche come MLN8237- , non è altro che una piccola molecola che andrebbe a frenare la chinasi Aurora A, ovvero l’enzima responsabile della proliferazione delle cellule tumorali nell’organismo.

Se bene per il momento gli studi si sarebbero focalizzati solamente sui topi da laboratorio – ottenendo, tra l’altro, dei risultati considerati soddisfacenti e quasi infallibili -, lo stesso direttore responsabile della Griffith University avrebbe assicurato che in circa un anno potrebbero essere eseguiti degli accertamenti sull’effettiva efficacia del farmaco anche sull’organismo umano. Proprio per questo motivo, spiega il coordinatore degli scienziati dell’università, Nigel McMillan, “Il grande vantaggio di questo farmaco è che è già stato somministrato a pazienti umani ed è risultato compatibile e risulterebbe particolarmente”, per questo motivo potrebbe risultare anche una buona alternativa alle normali – e ben più pesanti – chemioterapie, radioterapie e isterectomie.

Nel caso in cui dovesse risultare efficace anche per l’organismo umano andrebbe a risolvere i migliaia di casi di tumori alla cervice uterina che ogni anno colpiscono migliaia di donne e che, ancora nel 2015, rappresenterebbero la terza causa di morte in queste ultime, con una percentuale di sopravvivenza che risulta essere decisamente molto bassa.

photo credit: The Open University (OU) via photopin cc