E’ ancora difficile, al giorno d’oggi, riuscire a determinare quali possano essere le cause effettive che scatenano i singoli episodi di malattie tumorali: potrebbe esserci una predisposizione genetica (come accaduto ad Angelina Jolie, qui tutti i dettagli); potrebbero essere la conseguenza di determinati fattori ambientali (inquinamento, contaminazioni) o collegati all’alimentazione (in questo senso sta facendo passi da gigante la nutrigenetica)… Insomma, le cause scatenanti possono essere molteplici e molto possiamo fare grazie alla prevenzione e all’informazione.

E’ di oggi la notizia che alcuni studiosi americani hanno selezionato 17 sostanze che le donne dovrebbero cercare di evitare per far diminuire il rischio di ammalarsi di tumore al seno. Lo studio, pubblicato dalla rivista scientifica Environmental Health Perspectives, non solo elenca le sostanze incriminate (per lo più di natura chimica) ma offre anche consigli su come tentare di eliminarle dalla propria vita di tutti i giorni (qui il testo dello studio in lingua inglese).

Si tratta essenzialmente di sostanze quali benzina gasolio e altre sostanze emesse dai veicoli o dai tessuti antimacchia, e ancora solventi, vernici e derivati di disinfettanti.

Per quanto riguarda i consigli pratici, i ricercatori suggeriscono, tra le altre cose:

  • di limitare l’esposizione a benzina e gasolio,
  • di utilizzare la cappa quando ci cucina,
  • di limitare la consumazione di cibi cotti con il barbecue,
  • di evitare di acquistare mobili che contengono poliuretano o che sono stati trattati con ignifughi,
  • di limitare il più possibile l’esposizione alle polveri di casa e per questo togliersi le scarpe quando si entra nella propria abitazione.