La maggior parte di noi, anche solo per sentito dire, conoscono l’esistenza del Triclosan.

Si tratta di un composto presente nella maggior parte dei detersivi per la casa e per il corpo che si utilizzano quotidianamente, di cui, però non sono conosciuti gli effetti a lungo termine.

Da tempo la comunità scientifica si sta ponendo domande sul Triclosan, soprattutto perché si tratta di un elemento non presente in natura e quindi potenzialmente pericoloso per l’ambiente e per la salute umana. Ne vengono prodotte ogni anno milioni di tonnellate e questo elemento, un clorofenolo che ha proprietà antisettica e disinfettante, ha contaminato mari, laghi e fiumi.

In questi giorni è stato pubblicato su Proceedings of National Academy of Sciences (PNAS) un nuovo studio sul Triclosan condotto dai ricercatori della University of California-Davis School of Veterinary Medicine, che mette in evidenza che questa sostanza mette a repentaglio il funzionamento dei muscoli e quindi rischia di creare anche dei danni al cuore, il muscolo più importante del corpo umano.

I ricercatori hanno condotto dei test sui topi, sottoponendoli, in proporzione, alla stessa dose di Triclosan a cui siamo esposti noi umani tutti i giorni, ed è risultato che i topi mostrato una riduzione della forza muscolare del 18%, che persisteva fino a un’ora dopo la somministrazione.
Inoltre, i topi esposti al Triclosan hanno evidenziato una riduzione della funzionalità cardiaca del 25% già dopo 20 minuti che erano stati esposti alla sostanza chimica in esame.