Il tradimento è stato annoverato come una delle possibili cause dell’infarto.

Non si tratta di una scusa con cui si può provare a tenere il proprio uomo solo nel proprio letto, ma del risultato di una ricerca condotta dall’Unità di medicina della sessualità e andrologia dell’Università di Firenze.

Lo studio è stato condotto per dodici anni su soggetti affetti da disfunzioni sessuali o da patologie cardiovascolari e ha messo in evidenza che ci sarebbe un legame tra l’incidenza degli infarti e il numero dei tradimenti.

Fortunatamente la relazione è stata comprovata solo negli uomini, per le donne non si hanno dati certi di una simile situazione. A provocare l’infarto sarebbe il senso di colpa, e le probabilità di avere un arresto cardiaco aumentano quando si tradisce una donna che è ancora innamorata.

È Il coordinatore della ricerca Mauro Maggi, a indicare come causa principale il senso di colpa:

Un dato che ci ha colpito e dal quale siamo partiti è che i pazienti con un’amante avevano inizialmente valori metabolici, cardiovascolari e ormonali migliori di quelli che non tradivano, mentre poi erano più soggetti ad infarto. Segno che il senso di colpa è proprio il fondamentale fattore scatenante dell’infarto in questi casi.

Attenzione, quindi, anche perché se non sarà l’infarto ci penserà vostra moglie a farvela pagare!