Quando si parla di tonsille criptiche ci si riferisce ad un’infezione delle stesse tonsille, che però nulla ha a che vedere con la classica tonsillite poiché esse sono provocate da altre cause che tra poco si andranno ad esaminare.

Si ricorda che le tonsille svolgono una funzione assai importante per il corpo umano: esse rappresentano una delle prime difese immunitarie contro germi e batteri che penetrano all’interno dell’organismo attraverso la bocca e il naso.

Tonsille criptiche: le cause

L’infezione che provoca le tonsille criptiche è dovuta a ciò: le pieghe delle tonsille, spesso, possono portare all’accumulazione di cibo che con il tempo, a causa dei batteri, provocano poi l’infezione. Le tonsille criptiche sono un disturbo che tende a presentarsi con il passare degli anni, quando il tessuto linfatico delle tonsille tende a ridursi, lasciando le cripte parzialmente vuote e permettendo così l’accumulo di residui di cibo che poi vengono attaccati da batteri e microrganismi vari.

Tonsille criptiche: i sintomi

In caso di tonsille criptiche, i sintomi avvertiti sono quelli tipici dell’infiammazione, anche se non sempre compare il mal di gola. Fra gli altri campanelli di allarme vi sono senz’altro l’alito cattivo e l’irritazione della gola. In caso di fastidi è buona norma rivolgersi ad un medico, che prescriverà la cura più corretta per curare l’infezione. Nei casi più gravi o per episodi che tendono a ripresentarsi, potrebbe persino essere prevista la rimozione delle tonsille, soprattutto se esse sono ipertrofiche.

Tonsille criptiche: i rimedi naturali

Le tonsille criptiche e i fastidi che provocano, qualora non fossero così gravi da dover ricorrere necessariamente al medico, possono essere tenuti a bada grazie ad alcuni rimedi naturali. Ecco quali sono i più efficaci da provare:

  • grazie all’uso di una siringa priva di ago, si può spruzzare del collutorio mischiato con un po’ di acqua
  • si possono fare dei gargarismi con l’aceto, un ottimo modo per disinfettare la parte infiammata
  • la cura prestata all’igiene orale è importantissima non solo per il trattamento ma anche per la prevenzione. Per questo sarebbe bene sempre pulire correttamente tutto l’interno del cavo orale, con gargarismi e risciacqui
  • oltre che con l’aceto, i gargarismi possono essere effettuati con tisane e infusi di erbe che posseggono proprietà disinfettanti e lenitive, come ad esempio la camomilla oppure la menta