I test di ovulazione permettono di stabilire con un buon grado di precisione i giorni fertili di una donna, così da offrire maggiori possibilità di rimanere incinta in breve tempo.

Il cosiddetto ‘periodo fertile’ coincide con l’ovulazione, che avviene generalmente verso la metà del ciclo (intorno al 14° giorno). Se tuttavia si hanno cicli irregolari, spesso non è semplice individuare i giorni che offrono maggiori probabilità di rimanere incinta. Ecco che subentrano allora i test di ovulazione che, individuando nelle urine  gli ormoni caratteristici del periodo ovulatorio (l’estradiolo e/o l’ormone luteinizzante) sono in grado annunciare con anticipo l’avvicinarsi del periodo fecondo.

Questo tipo di test risulta molto utile in caso di:

  • cicli irregolari o imprevedibili, come nella sindrome dell’ovaio policistico
  • patologie che compromettono la fertilità, come l’endometriosi
  • tentativi infruttuosi di rimanere incinta che si prolungano da più di 6 mesi
  • età materna avanzata
  • quantità o qualità spermatica non ottimale

Tutti i test di ovulazione si basano sulla valutazione dei livelli degli ormoni responsabili dell’ovulazione, così da individuare con esattezza la finestra fertile. In generale, funzionano come i più comuni test di gravidanza: sono formati da uno stick da posizionare sotto il flusso delle urine per qualche secondo, quindi, con un simbolo che può variare da a seconda del tipo di test utilizzato, questo indicherà con un’attendibiltà che si aggira attorno al 99%, se si è o meno nei giorni fertili.

Sebbene basati tutti sullo stesso principio, in commercio esistono diverse tipologie di test di ovulazione:

STICK DIGITALI: muniti di un display digitale, rilevano i livelli dei due principali ormoni della fertilità, segnalando i 2/4 giorni con picco di fertilità attraverso una faccina sorridente. E’ sufficiente bagnare lo stick con le urine e appoggiarlo su di una superficie piana. Dopo circa 30 secondi inizierà a lampeggiare un simbolino che indica che il test è in corso. Attendi quindi 3 minuti per i risultati.

STICK PER APPOSITO LETTORE COMPUTERIZZATO: commercializzati per essere utilizzati con l’apposito computer, questi stick possono tuttavia anche essere letti da soli. Si basano sulla lettura dell’ormone LH e dell’estradiolo. Dopo aver impregnato il tampone con qualche goccia di urina, questo va inserito all’interno di un apposito spazio del dispositivo, che effettua la rilevazione della presenza degli ormoni che inducono l’ovulazione. Le variazioni nei livelli di questi ormoni vengono memorizzata mensilmente, così che  ogni giorno viene indicato il grado di fertilità attraverso l’accensione di una serie di spie colorate (lucina rossa giorni fertili; lucina verde giorni in cui si possono avere rapporti senza restare incinta). Ogni stick è tuttavia provvisto di una finestra di lettura, così da poter essere utilizzato anche senza l’ausilio del computer: dopo aver impregnato il tampone di urina e ricollocato l’apposito cappuccio, basterà appoggiare lo stick su una superficie piana e attendere qualche secondo per la lettura del risultato. La linea di destra legge l’intensità dell’LH, mentre la linea di sinistra legge la concentrazione di estradiolo. Quando si avvicina l’ovulazione la linea destra sarà molto visibile, mentre la linea sinistra quasi invisibile. Tenendo lo stick con la mano destra, questi i possibili risultati di lettura:

  • solo linea di sinistra: l’ovulazione è lontana
  • linea di sinistra = alla linea di destra: l’ovulazione si sta avvicinando
  • solo linea di destra (oppure linea DX più marcata della linea SX): l’ovulazione è imminente

Passata l’ovulazione, la linea sinistra tornerà ad essere più marcata rispetto a quella di destra, a meno che non si sia rimaste incinte.

STICK “CANADESI”: hanno il vantaggio di un’ottima affidabilità a costi molto contenuti e quindi sono adatti all’uso continuativo. L’inconveniente è che non sono reperibili in farmacia, ma solo tramite internet. Questi stick non rilavano l’estradiolo ma semplicemente l’ormone LH. Tenendo con la mano destra l’impugnatura dello stick, la banda di destra è quella di controllo, mentre quella di sinistra indica la rilevazione dell’ormone. Il test è negativo quando compare la sola linea di controllo (o se la linea dell’LH è di minore intensità di quella di controllo). Il test risulta invece positivo quando sono visibili due linee di uguale intensità (o se la linea dell’LH è più evidente di quella di controllo). Se si utilizzano stick ‘canadesi’ non si deve utilizzare la prima urina del mattino ( se non in caso di precise indicazioni del produttore) poiché l’ormone LH diventa rilevabile nelle urine solo in tarda mattinata. Il momento migliore per eseguire il test di ovulazione risulta quindi l’ora di pranzo o il primo pomeriggio. Essendo molto piccoli, con questo tipo di stick si consiglia inoltre di bagnarli con l’urina raccolta in un bicchierino di carta.