Dal tè nero un rimedio naturale per rinforzare le ossa: secondo un recente studio condotto dai ricercatori australiani della Flinders University  - pubblicato sulla rivista rivista American Journal of Clinical Nutrition – non solo il latte, quindi, è uno degli ingredienti fondamentali per ridurre il rischio di fratture.

Consumare tre tazze al giorno della bevanda, infatti, aiuterebbe a ridurre il rischio ben del 30% rispetto a chi non ne beve o, comunque, ne assume in dosi minori. Nel corso della ricerca è stato coinvolto un campione di 1200 donne – tra le quali l’osteoporosi risulta essere più frequente – tutte di età media intorno agli 80 anni e alle quali sono stati sottoposti dei questionari periodici circa le loro abitudini alimentari, specie a quelle relative al consumo di tè.

Durante il periodo di osservazione – durato ben 10 anni – è emerso che le donne hanno subito 288 fratture, 129 delle quali all’anca: secondo i ricercatori il numero di incidenti – nell’arco dello stesso decennio – si sarebbe dimostrato inferiore di circa un terzo nelle donne che bevevano del tè in quantità maggiori.

Non solo tè nero: anche il tè verde si è dimostrato un alleato per scongiurare il rischio di osteoporosi e ossa fragili in generale. Secondo gli esperti il segreto del tè come rimedio naturale per avere delle ossa forti risiede nei flavonoidi che le andrebbe a rinforzare e ad accelerare la formazione di nuove cellule ossee, rallentando l’erosione di quelle esistenti.

Anche il caffè contiene la stessa sostanza, ma secondo quanto riportato dallo studio, il tè sarebbe stata la fonte principale di flavonoidi tra le donne.