Con l’inverno alle porte la voglia di rimanere a casa qualche sera di più e fermarsi davanti alla TV sorseggiando una tisana calda aumenta notevolmente. Questa piccola coccola che possiamo concederci può essere oltre che piacevole, anche molto salutare: tanti, infatti, possono essere i benefici che le erbe contenute nei tè o negli infusi possono apportare al nostro corpo. Davanti allo scaffale del supermercato,  o dell’erboristeria quindi, non facciamoci convincere all’acquisto solo dal costo o dalla bellezza della confezione, proviamo a capire quali piante hanno le proprietà adatte ai nostri piccoli acciacchi quotidiani.

L’echinacea, ad esempio, è ottima per combattere i raffreddori e le influenze di stagione, ha proprietà immunostimolanti e antivirali, ed è in grado di aiutarci ad abbreviare il decorso della malattia.

Foglie di noce: molto indicata per chi soffre di forme leggere di anemia o, più in generale, per combattere la stanchezza.

Borragine: dopo una giornata di lavoro, soprattutto le donne, si ritrovano con le gambe pesanti e le caviglie gonfie. La borragine è utilissima per le sue proprietà drenanti rimettendo in sesto la cattiva circolazione.

Anice e liquirizia: agiscono sull’intestino con un ottimo effetto lassativo, favorendo la scomparsa della stipsi

Fiori di calendula: favoriscono la comparsa delle mestruazioni e aiutano a combatterne i dolori muscolari e le contrazioni al livello delle ovaie.

Peduncoli di ciliegia: oltre ad avere un sapore favoloso, la ciliegia ha anche un peduncolo carico di proprietà medicinali: assunti in infusi risultano essere degli ottimi alleati contro la cellulite, favorendo il drenaggio dei liquidi in eccesso dai tessuti.

Fiori e foglie di biancospino: questa pianta agisce come rilassante del sistema nervoso centrale e come calmante del cuore, può essere quindi utile in caso di battito accelerato (tachicardia), o di lieve ipertensione arteriosa, soprattutto se causata dall’ansia e di tipo non patologico.
photo credit: subsetsum via photopin cc