Presunto caso di malasanità all’ospedale di Alessandria, dove pare che ad una neonata sia stata tagliata per errore una parte di dito. La piccola è stata poi trasportata d’urgenza presso al Regina Margherita di Torino, dove si è tentato un intervento di microchirurgia per cercare di riattaccare la falange staccata ma l’operazione non sarebbe riuscita.

A raccontare la storia è stato il padre della neonata, Fabrizio Moreira, trentunenne di origine uruguaiana, che ha presentato anche denuncia ai carabinieri di Alessandria. Da quanto avrebbe raccontato l’uomo, la gravidanza della moglie non era stata facile ma la piccola era comunque nata sana, con parto cesareo. La neonata, venuta alle luce nella giornata di giovedì, sarebbe stata allontanata un attimo dalla mamma per attaccarle la flebo alla mano (a causa di una carenza di glucosio).

L’incidente sarebbe avvenuto successivamente: la piccola sarebbe stata condotta presso il nido per essere nutrita con latte artificiale. Qui, per toglierle la fasciatura alla manina, fatta per attaccare l’ago della flebo, le avrebbero tranciato la falange. Nonostante il ricovero immediato e l’intervento, non vi sarebbe stato niente da fare.

Non riuscendo a riattaccare il dito, i medici hanno provato a chiudere la ferita in modo tale che almeno il danno estetico potesse essere ridotto al minimo. Subito dopo la piccola è stata ricoverata in rianimazione, sedata e attaccata alle macchine per la respirazione. E mentre la bambina si sta riprendendo, gli inquirenti hanno già avviato le indagini per cercare di accertare le responsabilità di quanto accaduto. Il personale sanitario, dal canto suo, oltre ad aver espresso il proprio rammarico per quanto accaduto, si è messo a completa disposizione per chiarire ogni dubbio in merito al fatto.