La tachicardia è un’accelerazione del battito cardiaco che comporta un numero di battiti al minuto che può superare il numero di cento. La tachicardia si può distinguere in parossistica e sinusale. La prima, quella parossistica, consiste in un’aritmia cardiaca (ossia battito irregolare del cuore) provocata dalla stimolazione anomala di un centro che genera impulsi e che si sostituisce al nodo senoatriale. La seconda, quella sinusale è invece una tachicardia più comune e meno pericolosa: essa consiste nell’aumento della frequenza dei battiti cardiaci, che supera i valori normali e che è dovuta, come suggerisce il nome, all’aumento del ritmo sinusale.

Tachicardia: le cause

Le cause che possono provocare la tachicardia sono differenti in base al fatto che si tratti di tachicardia parossistica oppure di tachicardia sinusale.

Per quanto riguarda la parossistica, essa può essere provocata da:

  • lesioni organiche del cuore (provocate ad esempio da ischemia)
  • intossicazioni farmacologiche
  • riflessi gastrocardiaci

Per quanto riguarda invece la sinusale, le cause possono essere rintracciate in:

  • ansia
  • attività fisica
  • abuso di caffè
  • fumo
  • anemia
  • ipertiroidismo
  • febbre
  • ipertensione
  • farmaci
  • vertigini

Tachicardia: sintomi associati

Il sintomo fondamentale della tachicardia è l’accelerazione del battito cardiaco. Molto frequentemente esso può essere però associato anche ad altri sintomi:

  • sudorazione
  • senso di ansia
  • ipotensione
  • sensazione di cardiopalmo

Tachicardia: rimedi naturali

La tachicardia sinusale non è solitamente pericolosa quanto piuttosto fastidiosa. Se si soffre di questo disturbo il consiglio fondamentale è quello di rivolgersi ad un medico che possa indagare sulle cause a suggerire il giusto trattamento da seguire. Contestualmente, però, esistono alcuni rimedi naturali che si possono provare e che possono aiutare a combattere gli effetti fastidiosi della tachicardia. Fra essi i più efficaci sono:

  • la camomilla, impiegata come infuso da bere, ha un effetto calmante e rilassante, che può aiutare a regolarizzare il battito cardiaco
  • il tè preparato con fiori secchi oppure freschi di biancospino, con un cucchiaino di valeriana oppure con fiori secchi di caprifoglio contribuiscono a normalizzare il battito del cuore
  • contro la tachicardia si può impiegare anche la menta piperita: basta mettere tre rametti in una tazza di acqua bollente pi filtrarla e berne al massimo tre tazze al giorno (al posto della menta piperite si può impiegare anche la lattuga)
  • al posto della menta piperita e della lattuga si può impiegare anche un mix tra lavanda, passiflora e rosmarino