Dal succo d’arancia arriva un ottimo rimedio naturale per contrastare l’invecchiamento del cervello, specialmente per gli over 65.

Secondo quanto emerso da uno studio mandato avanti dai ricercatori del’Università di Reading, nel Regno Unito, un bel bicchiere al giorno dell’agrume può essere d’aiuto per migliorare le capacità cerebrali delle persone più “anziane”.

La ricerca è stata condotta su 37 adulti con un’età media di 67 anni i quali, per otto settimane, hanno consumato mezzo litro di succo d’arancia al giorno. Durante e alla fine di questo periodo gli stessi sono stati sottoposti ad una serie di test atti a valutare la propria memoria ma anche i tempi di reazione e la fluidità verbale e i ricercatori hanno rimarcato come, complessivamente, vi fosse un miglioramento complessivo delle funzioni cognitive pari all’8%.

Percentuale che, come spiegato dagli stessi studiosi, “equivale, ad esempio, a ricordare un parola in più rispetto a quelle che di solito tornano in mente da una lista della spesa di 15 elementi.” Dei piccoli passi in avanti, insomma, che potrebbero con il passare delle otto settimane “tradursi in sostanziali progressi per tutta la durata della vita. Grazie alla concentrazione di vitamine e zuccheri la bevanda potrebbe svolgere un ruolo importante nel fornire i nutrienti necessari a mantenere in salute il cervello“.

Un ottimo rimedio, quindi, specialmente se viene integrato ad uno stile di vita sano con una dieta bilanciata.