La stupidità possiede confini, ma certamente – da ora – può essere suddivisa in tre categorie: uno studio condotto dal professore Balazs Aczel dell’Istituto di Psicologia della Eotvos Lorand University di Budapest – e pubblicato su Intelligence – ha infatti scoperto che ci sarebbero tre tipi di stupidità, uno peggiore dell’altro.

Per riuscire a definire le tre categorie i ricercatori hanno raggruppato 180 storie da blog e forum intervistando 150 persone chiedendo loro quali fossero “stupide”: il 90% di questi avrebbe concordato su quali tra le storie lette potevano essere definite sciocche e tramite questo sondaggio sono stati stabiliti i tre tipi di stupidita. Le stesse che possono colpire chiunque – come spiegato dallo stesso Aczel –, non necessariamente le persone con un QI basso bensì anche le persone con un quoziente intellettivo alto.

La cosa più stupida che qualcuno possa fare è sopravvalutarsi” ha detto il proessor Balazs Aczel dell’Università di Budapest, continuando, “Ciò che (lo studio) vuole far capire è che non bisogna avere un quoziente intellettivo basso, comportandosi da stupidi davanti alle persone. Bisogna solamente avere una percezione sbagliata delle proprie abilità. […] Se non vuoi fare qualcosa di sciocco, probabilmente non vuoi avere grandi aspettative dalle tue abilità rispetto a quanto, invece, si dovrebbe. La cosa peggiore che possa fare una persona è – consapevolmente e seriamente – non agire in maniera razionale. Questa è la cosa più stupida”.

Stupidità: i tre tipi secondo Balazs Aczel

  1. La stupidità definita più grave è stata definita “Confident Ignorance”, la quale può essere tradotta come “fiduciosa ignoranza”: in questo primo tipo viene definita una persona la quale sovrastima le proprie capacità. Questa può essere facilmente tradotta in situazioni in cui si pensa di essere in grado di fare qualcosa, ma che palesemente non si è in grado e si cade nell’errore: come quando si è “brilli” e ci si vuole mettere al volante della propria vettura pensando di essere in grado di guidarla, ma alla fine le conseguenze possono essere drastiche causando, per esempio, un incidente.
  2. Il secondo tipo di stupidità, quello intermedio, viene definito come “Lack of control” ovvero la “Mancanza di Controllo”: questo si verifica quando la persona non è in grado di “fare altrimenti” e può essere descritta in un caso dove qualcuno decide di rinunciare ad uscire con i propri amici per rimanere a casa e continuare a giocare ai videogiochi.
  3. L’ultimo tipo di stupidità è definita come “Absentmindness” ovvero l’assenza mentale dove viene a mancare la consapevolezza delle proprie azione perché non si prestava attenzione oppure perché non si era al corrente di qualcosa.