Non c’è scampo, il lavoro, anche se si fa un lavoro che ci piace e che ci appassiona, è sempre una forma di stress. È la società in cui viviamo che ci porta a tenere ritmi di lavoro troppo elevati senza avere, peraltro, gratificazione economica o personale.

E lo stress del lavoro si accumula e va ad incidere su tutto ciò che è la nostra vita, dalla salute ai rapporti con gli altri.

Da uno studio condotto dai ricercatori del Brigham and Women Hospital e l’Harvard Medical School, poi, è emerso che le donne sono la categoria che subisce in maniera più profonda le conseguenze dello stress.

Studiando un campione di 22mila professioniste americane legate al settore salute per dieci anni, i ricercatori che hanno analizzato i dati hanno evidenziato una correlazione significativa tra i casi di malattie cardiovascolari e condizioni lavorative particolarmente stressanti. I dati sono ancora allo studio, ma la dottoressa Michelle A. Albert, coordinatrice dei lavori, avverte:

La tensione lavorativa elevata, una forma di stress psicologico, ha a lungo termine effetti sulla salute cardiovascolare nelle donne e potrebbe suggerire la necessità per gli operatori sanitari di integrare la valutazione e individuazione degli interventi utili che riducono al minimo gli effetti dello stress lavorativo.