La Dottoressa Roberts, ideatrice dell’Instict Diet e ricercatrice presso la Taft Universiuty, ha identificato i cinque meccanismi istintivi che guidano le nostre scelte alimentari e che possono spingerci ad accumulare peso superfluo. E ovviamente indica come controllarli o aggirarli per riuscire a dimagrire. Si tratta, infatti, di meccanismi atavici che funzionavano bene nelle epoche passate, quando il cibo scarseggiava, ma che ora, con l’abbondanza di tentazioni che ci circonda in ogni momento della giornata, rischiano di diventare deleteri. Il primo passo per riprendere il controllo è comprenderli.

La FAME
L’uomo primitivo doveva dedicare la maggior parte delle sue energie a procacciare il cibo e quando lo trovava doveva approfittarne il più possibile. Per questo lo stimolo della fame è così potente e ancora oggi il nostro cervello è fortemente spinto a rispondere a questo stimolo inducendoci a mangiare.
Strategie di controllo: cercare di privilegiare pasti e spuntini bilanciati a lenta assimilazione che hanno il potere di eliminare la fame per diverse ore. La Roberts suggerisce di curare l’equilibrio tra proteine, carboidrati (meglio se a basso indice glicemico) e grassi e privilegiare i cibi ricchi di fibre (vedi qui perché sono importanti), facendo tre pasti e tre spuntini al giorno.

La VISTA DEL CIBO
Più cibo vediamo, più cibo ingeriamo. Non è solo questione di mancanza di autocontrollo, ma una risposta naturale. I nostri antenati non potevano mai essere certi di quando sarebbe avvenuto il loro pasto successivo e dovevano sfruttare ogni occasione al massimo. La vista del cibo ha realmente il potere di innescare potenti segnali metabolici che accendono la fame. Per questo è più facile seguire una dieta se si comincia col ripulire frigorifero e dispensa da tutte le possibili tentazioni. E probabilmente questo è anche il motivo per cui le donne, molte delle quali devono cucinare anche per i familiari non a dieta, sono più soggette degli uomini a sgarri e fallimenti.
Strategie di controllo: la Roberts consiglia di bonificare l’ambiente. Quindi cercate, nei limiti del possibile, di evitate di tenere in casa cibi non dietetici. Se avete famiglia, privilegiate per figli e marito, gli spuntini che a voi piacciono meno, oppure provate a proporre snack e dessert più sani: frullati di frutta, frutta cotta, creme di ricotta aromatizzate al momento. In questo modo terrete in dispensa ingredienti sani al posto che merendine e biscotti ipercalorici. Per i pasti, invece, potete cercare di allineare le esigenze: orecchiette coi broccoli per loro, broccoli e basta per voi; gnocchi malfatti per loro, una ricottina con spinaci lessi al limone per voi; minestra di verdure per voi e minestrone per loro (basterà togliere la vostra porzione dalla pentola prima di aggiungere il riso, mentre per l’olio si può aggiungerlo a freddo, direttamente nei piatti). In questo modo dovrebbe essere più facile non lasciarsi troppo ingolosire da quel che mangia il resto della famiglia.

DENSITÀ CALORICA
La natura ci guida a desiderare cibi ad alta densità calorica. È un’istinto che si riscontra in tutte le culture, a qualunque latitudine. I motivi sono quelli già detti: se è importante fare il pieno ogni volta che si ha occasione di mangiare, inutile riempirsi lo stomaco con cibi poco calorici, meglio dedicare il maggior spazio possibile a quelli super nutrienti.
Strategie di controllo: rimpinzarsi di cibi poco calorici con la tecnica “sandwich”: mettete una moderata quantità di cibo molto calorico in mezzo ad alte quantità di cibi leggeri e sani.

FAMILIARITÀ
Ci piace mangiare i cibi con cui siamo cresciuti. Quelli che mangiamo da sempre. Questi cibi ci fanno sentire sicuri e a nostro agio e i nostri automatismi emotivi ci spingono a mangiarli ancora e ancora.
Strategie di controllo: Dr Roberts suggerisce versioni dietetiche dei principali cibi della tradizione familiare. Provate quindi a rielaborare le vostre ricette, tagliando i condimenti e rendendole più sane.

VARIETÀ
Siamo attratti da molte differenti tipologie di cibo e tendiamo a mangiare di più quando ci troviamo di fronte a una scelta più ampia.
Strategie di controllo: più che controllare questo istinto, bisogna imparare a sfruttarlo bilanciando le varietà in modo da concedersi pasti dietetici e insieme molto soddisfacenti, variati e stuzzicanti. Ancora una volta si tratterà di abbinare a un cibo calorico altri più leggeri e sani.

photo credit: febbrile via photopin cc

LEGGI ANCHE:
Prima colazione: 7 ricerche suggeriscono di farne un pasto completo ed equilibrato