La quantità di cibo presente quotidianamente nel nostro pianeta, come ben sappiamo, non è adeguatamente ripartita. Ci sono popoli, come noi italiani, che ne hanno in quantità abbondanti e popoli che, invece, non ne hanno a sufficienza.

La cosa peggiore è che, nei luoghi in cui il cibo è abbondante la maggior parte di questo finisce nella spazzatura, costituendo un grande spreco di risorse di denaro e di materie prime e contribuendo a peggiorare la situazione di tutti coloro che non hanno di che sfamarsi.

Per questo la Commissione Europea ha stilato un decalogo, chiamato “Stop Food Waste”, che aiuterà tutti a non sprecare del cibo prezioso. Vediamo di cosa si tratta.

1. Pianificare la spesa. Farsi una lista di ciò che serve a comprare le giuste quantità e a non lasciarsi tentare dalle offerte.

2. Controllare le date di scadenza. Comperare cibo a lunga scadenza se non si ha intenzione di consumarlo nell’immediato e comprare i prodotti facilmente deperibili sono quando si ha intenzione di consumarli.

3. Ricordare sempre che buttare cibo equivale a buttare soldi.

4. Controllare le condizioni del frigo e assicurasi che riesca a mantenere i cibi.

5. Seguire le indicazioni di conservazione riportate sulle etichette.

6. Disporre la spesa in modo che gli alimenti più vecchi siano davanti.

7. Fare piccole porzioni.

8. Consumare gli avanzi.

9. Congelare i cibi se non si utilizzano nell’immediato.

10. Trasformare gli avanzi in concime usando gli appositi contenitori per il compostaggio.