La stitichezza è uno dei problemi più comuni che può colpire soggetti di qualsiasi età, anche se a soffrirne sarebbero maggiormente le donne e coloro che hanno superato i 65 anni di età. Altri soggetti che possono esserne più colpiti sono le donne in stato di gravidanza o che hanno appena partorito o che hanno da poco subito un intervento chirurgico.

Se si dovesse dare una descrizione più o meno accurata della stitichezza (nota anche come stipsi), si direbbe che essa consiste nel presentare un disturbo della defecazione: si ha grande difficoltà a svuotare l’intestino e di conseguenza nell’espellere le feci. Affinché si possa parlare di stitichezza, però, il problema dovrebbe presentarsi con una frequenza di almeno tre volte la settimana. Vediamo allora quali sono le cause della stitichezza, alcune accortezze da seguire e i più efficaci rimedi naturali per combatterla.

Stitichezza: le cause

La stitichezza, che è un sintomo, tende a manifestarsi soprattutto quando il colon assorbe troppa acqua oppure, ancora, quando le sue contrazioni muscolari sono troppo deboli e lente. E’ in questi casi che le feci si induriscono e si seccano, provocando poi la difficoltà ad evacuare e le conseguenze che questo disturbo causa.

Le cause più frequenti della stitichezza possono essere: dieta povera di fibre o comunque carenza delle stesse, sedentarietà, l’azione di alcuni farmaci, il latte, l’abuso di lassativi (soprattutto se li si utilizza spesso per questo problema), la sindrome del colon irritabile, la disidratazione dovuta principalmente allo scarso consumo di acqua, alcune patologie, problemi vari a retto e colon, cambiamenti repentini di stile di vita.

Le cause che portano alla stitichezza possono essere dunque di diversa origine: fisiologiche, emotive oppure ormonali. Se il problema non è solo temporaneo e sporadico, il medico dovrà accertare le cause che la provocano. A seconda dei casi potrebbe essere dunque necessario doversi sottoporre a colonscopia, ecotomografia addominale oppure ai raggi all’addome.

Stitichezza: alimentazione consigliata

La prima cura della stitichezza passa per il regime alimentare che si adotta. I consigli più efficaci sono quelli che riguardano il consumo di alimenti quali i semi di lino, i legumi, la frutta e la verdura di stagione oppure i cereali integrali (per aumentare l’apporto di fibre). Si consiglia inoltre il consumo di altri cibi quali i carciofi, la soia, l’aglio, la cicoria, le cipolle e il frumento.

Fra i cereali si consiglia di privilegiare il riso integrale, il farro e l’orzo senza dimenticare che è buona regola, sempre, bere molta acqua ogni giorno.

Stitichezza: rimedi naturali

Oltre ai consigli sull’alimentazione, vi sono alcuni rimedi naturali che possono essere di supporto contro i fastidi causati dalla stitichezza. Fra questi, ad esempio, vi sono i massaggi con l’olio d’oliva, da praticare sulla propria pancia. Tornando invece agli alimenti che si possono assumere, fra questi vi sono anche la polpa di avocado mescolata al miele (ne bastano due cucchiaini ai giorno) oppure una papaya al dì, meglio se di mattina.

Ottimo contro la stitichezza anche l’infuso di malva diluito all’interno di un bicchiere di acqua leggermente tiepida mentre, rimedio sempre valido, sembrano essere le prugne. I semi di lino possono essere assunti anche aggiunti ad un vasetto di yogurt oppure, in alternativa, si può mangiare una pera quando si è digiuni (o anche due o tre albicocche). Fra gli altri rimedi naturali contro la stitichezza si può suggerire di mangiare un’insalata di cavolo condita con dell’olio d’oliva.

Fra gli altri rimedi che si possono sperimentare, vi sono le compresse di argilla da tenere sulla pancia per almeno venti minuti. Infine, si possono fare delle docce circolari con acqua calda, diretta sull’addome per circa cinque minuti.