Lo speck  - termine che in tedesco significa lardo – è un prodotto di Indicazione geografica protetta, tipico della salumeria del Sud-Tirolo. Tecnicamente consiste in un prosciutto crudo del tutto privato dell’osso, leggermente affumicato. Oggi lo speck viene utilizzato per cucinare molte ricette ma nella tradizione del Sud-Tirolo era consumato soprattutto dai contadini, che in esso trovavano una fonte di energia per pi affrontare il duro lavoro nei campi.

Nel corso dei secoli, lo speck è diventato alimento principale di banchetti e cerimonie di benvenuto. Una funzione, quest’ultima, conservata fino ai nostri giorni e che si è tramutata in quella che è notoriamente conosciuta come la tipica merenda altoatesina (composta da speck appunto, pane nero, birra o vino). Il nome di questa merenda tipica è Brettljause e consiste in un tagliere di speck, salsicce, formaggi tipici della zona, cetrioli, pane casereccio e vino (o birra, come indicato in precedenza).

Speck: i valori nutrizionali

Parlando dei principali valori nutrizionali contenuti nello speck, si può affermare che cento grammi di questo prodotto possano contenere indicativamente:

  • 21 grammi di grassi
  • 0,50 grammi di carboidrati
  • 28 grammi di proteine
  • 44,70 grammi di fibre
  • 11 milligrammi di calcio
  • 1550 milligrammi di sodio
  • 485 milligrammi di potassio
  • 1,50 milligrammi di ferro
  • 30 milligrammi di magnesio
  • 2,50 milligrammi di zinco
  • 90 milligrammi di colesterolo
  • 2,75 grammi d acido aspartico
  • 4,30 grammi di acido flutammico
  • 2,35 grammi di leucina
  • 0,50 grammi di saccarosio

Speck: le calorie

Parlando, infine, del contenuto calorico dello speck, esso contiene, indicativamente, 303 calorie ogni cento grammi di prodotto. Lo speck magro, invece, è un prodotto ancor più leggero perché si stima che cento grammi di questa versione contengano circa 120 calorie.