In casi più gravi, possiamo trovarci di fronte a delle fratture o a delle ferite da taglio. Vediamo come soccorrere correttamente l’animale che abbia riportato una di queste lesioni.

COME DIAGNOSTICARE UNA FRATTURA?

Le fratture agli arti si verificano a seguito di incidenti o maltrattamenti. Il cane o il gatto non riescono ad appoggiare l’arto fratturato che appare inerte ed il più delle volte gonfio e deformato. Le fratture possono essere di due tipi: “chiuse” o “aperte”, nel primo caso la cute ed i tessuti al di sopra dell’osso fratturato sono intatti, mentre nel secondo sono lacerati ed i due monconi ossei appaiono all’esterno.

COME COMPORTARSI DI FRONTE A FRATTURE APERTE?

Non si devono assolutamente muovere i due monconi ma occorre limitarsi a pulire la ferita con acqua ossigenata o acqua bollita e ricoprire l’arto con una garza sterile o con un panno pulito senza tentare di immobilizzarlo e recarsi immediatamente dal veterinario.

COSA FARE DI FRONTE AD UNA FRATTURA?

In presenza di un arto fratturato l’intervento immediato ha lo scopo di limitarne i movimenti in attesa di giungere dal veterinario. L’arto fratturato va maneggiato con estrema delicatezza, senza sottoporlo a trazioni o torsioni, o peggio tentare di rimettere in posizione corretta i monconi ossei. La parte lesa va protetta con cotone, bende o giornali su cui è possibile appoggiare dei supporti rigidi come stecche di legno o cartone che devono essere fissati con del cerotto.

COME TRATTARE UNA FERITA DA TAGLIO?

Le ferite alle zampe provocano emorragie piuttosto abbondanti poiché questa regione è riccamente vascolarizzata. La prima cosa da fare è arrestare la fuoriuscita di sangue: come laccio emostatico è possibile utilizzare un fazzoletto, una cravatta o una cintura che vanno annodati attorno all’arto dell’animale al di sopra della ferita. Va allentato ogni 5 minuti e non deve essere lasciato per più di mezzora. Se non è possibile ricorrere subito all’aiuto del veterinario occorre tagliare il pelo attorno alla ferita e disinfettarla accuratamente con acqua ossigenata, quindi asciugarla ed applicarvi una pomata antibiotica prima di bendarla. Terminate queste operazioni si può togliere il laccio. Se l’emorragia si arresta e la ferita non è di grandi dimensioni è sufficiente cambiare il bendaggio e rinnovare l’applicazione della pomata tutti i giorni, altrimenti è fondamentale l’intervento del veterinario. Le ferite presenti sul tronco vanno lavate, disinfettate con acqua ossigenata e tamponate con ghiaccio per fermare l’emorragia. L’intervento del veterinario è comunque indispensabile nel caso di ferite ampie che necessitano punti di sutura.