Veniamo infine al caso più grave che si può presentare in caso di malessere o di incidente che coinvolga un animale: come comportarsi quando non si percepisce più il battito cardiaco di un animale? E come si praticano la respirazione artificiale a un cane o a un gatto, o il massaggio cardiaco? Qui di seguito ecco come fare, con l’augurio di non dovervi mai trovare a praticarlo nella realtà.

COME PERCEPIRE IL BATTITO CARDIACO?

L’arresto dell’attività cardiaca è un evento drammatico che si conclude certamente con la morte dell’animale se non viene attuato un intervento immediato che, benché effettuato in condizioni disperate, a volte riesce a risollevare le sorti del paziente. A volte l’interruzione dei battiti cardiaci è accompagnato da arresto del respiro, involontaria perdita di urina e feci e dilatazione delle pupille: sintomi drammatici che preludono alla morte del soggetto. Mettendo l’animale sdraiato su di un fianco il battito cardiaco può essere percepito spostando in avanti l’arto anteriore ed appoggiando il palmo della mano sul torace, posteriormente al gomito.

COME PRATICARE LA RESPIRAZIONE ARTIFICIALE ED IL MASSAGGIO CARDIACO?

La respirazione artificiale rappresenta un tentativo estremo di salvare la vita all’animale, quindi occorre agire con tempestività ma anche con calma e decisione. Il soggetto deve essere sdraiato su di un fianco con la testa leggermente estesa sul collo. L’aria deve essere immessa nelle vie nasali, tenendo ben chiusa la bocca, oppure nel cavo orale tenendo chiuse le narici. Si deve soffiare con una certa forza per 2-3 secondi osservando il sollevamento del torace che va successivamente aiutato a svuotarsi comprimendolo dopo aver tolto le mani dalle cavità nasali e dalla bocca. Si devono far compiere da 7 a 10 atti respiratori al minuto fino a che la respirazione non riprende spontaneamente. Quando il battito cardiaco non è percepibile e la funzionalità del cuore è cessata occorre intervenire immediatamente con il massaggio cardiaco , che è l’unico intervento che in situazioni estreme può salvare la vita dell’animale. Con il soggetto sdraiato sul lato si deve appoggiare il palmo della mano (o di tutte e due se si tratta di un animale di grande taglia, sul torace) subito dietro al gomito esercitando una serie di 60 compressioni al minuto. (vedi foto sotto).

Negli animali di taglia piccola, come gatti e cani nani la compressione può essere effettuata monomanualmente afferrando il torace all’altezza del cuore, dietro i gomiti,
con una sola mano e comprimendo ritmicamente. Mentre si comprime si deve contare fino a 2 mentre solo fino ad 1 quando si rilascia. Spesso nei traumi molto gravi l’arresto cardiaco si accompagna a quello respiratorio quindi il massaggio cardiaco va eseguito unitamente alla respirazione artificiale eseguendo una respirazione circa ogni 5 compressioni di stimolazione cardiaca. Si tratta sempre di situazioni di grave emergenza, quindi tutte queste operazioni vanno eseguite mentre ci si reca urgentemente ad un pronto soccorso o dal veterinario.