La gravidanza è una delle esperienze più belle che una donna possa vivere, ma non sempre è facile, soprattutto quando capita per la prima volta, capire quando si è incinta.

Ogni gestazione è diversa dall’altra e non tutte le donne riescono a riconoscerne le avvisaglie o sono in grado di distinguere, ad esempio, una semplice sindrome pre-mestruale ad uno stato interessante. Solitamente, però, tutte le future mamme percepiscono alcuni precisi sintomi in maniera più o meno accentuata. Vediamo insieme quali possono essere:

- mancanza del ciclo mestruale (amenorrea): se verificate un ritardo superiore ai 7 giorni e se avete almeno qualcuno dei sintomi che elenchiamo qui sotto, è consigliabile comprare in farmacia un test di concepimento: vanno benissimo quelli istantanei e casalinghi, ormai davvero molto affidabili. Ripetetelo, a distanza di qualche giorno, nel caso sia risultato negativo ma i sintomi persistano;

- inspiegabile stanchezza che permane anche dopo una rigenerante dormita;

- piccoli crampetti addominali, leggere contrazioni che provocano un dolore molto simile a quello di un’ovulazione;

- nausee: costituiscono il sintomo forse più diffuso e fastidioso, provocato soprattutto dagli odori forti e solitamente piacevoli come il profumo dei fiori o del caffè;

- indurimento dei capezzoli: il seno può risultare un po’ dolorante, gonfio e, in molti casi, cominciare subito a cambiare forma e taglia (anche due in più!);

- problemi di digestione o di assunzione di alcuni cibi, causata o dalla nausea di cui sopra, o perché, talvolta, durante la gravidanza anche i nostri gusti culinari possono subire dei cambiamenti.

Nel caso il test di gravidanza risultasse positivo, o riscontraste comunque il perseverare di alcuni di questi sintomi, vi consigliamo vivamente di rivolgervi al vostro ginecologo di fiducia!