La prima strada pubblica al mondo con pannelli solari incorporati debutterà in Olanda il prossimo 12 novembre. Si tratta di un progetto innovativo, chiamato SolaRoad ed avviato dell’istituto di ricerca olandese TNO, nel 2009. Domani l’inaugurazione del primo tratto, 70 metri della pista ciclabile che collega Krommenie e Wormerveer, due sobborghi di Amsterdam, percorso ogni giorno da 2mila ciclisti, tra studenti e pendolari. Si tratterà del primo esperimento simile al mondo.

Le celle solari sono state inserite in speciali lastre di cemento, poi ricoperte da uno strato traslucido di vetro temperato. Costata 3 milioni di euro, la pista ha un rivestimento liscio e una leggera inclinazione per consentire alla pioggia di pulirla, così da consentire la massima esposizione ai raggi solari, fondamentale anche perchè, per la loro disposizione, i pannelli producono il 30% di energia in meno rispetto a quelli fissati sui tetti.

La pista raggiungerà i 100 metri entro il 2016, ma l’obiettivo degli ideatori è ben più ambizioso. Stando a quanto dichiarato al Guardian da uno dei ricercatori, Sten de Wit, i pannelli solari potrebbero essere installati nel 20% dei 140mila km di strade olandesi, fornendo elettricità ai semafori, così come alle auto elettriche. I pannelli hanno hanno già superato i test di resistenza con veicoli pesanti come i trattori.

Unico al mondo, il SolaRoad non poteva che essere inaugurato nel 2014, anno che l’Olanda ha deciso di dedicare al tema dei viaggi in bicicletta, al cicloturismo e al ciclismo urbano. Un altro passo in avanti per un paese in cui l’adozione di oltre 18 milioni di biciclette (su un totale di 16 milioni di abitanti) testimonia la scelta culturale ed eco-sostenibile dei cittadini.

photo credit: SimoneD90 via photopin cc