Quando abbiamo a che fare con la sinusite vuol dire che abbiamo un’infiammazione che interessa la mucosa che riveste i seni paranasali. Questi ultimi sono delle piccole cavità che sono scavate nelle ossa del volto, in corrispondenza degli zigomi, della mascella, ai lati del naso e della fronte.

Si conoscono due forme di sinusite: quella cronica è una forma persistente, che può durare per mesi e comparire in modo periodico; quella acuta tende invece a presentarsi una volta sola e dura al massimo per quattro settimane.

Sinusite: le cause

La sinusite può essere la conseguenza di una serie di cause ben definite. Essa tende di solito a comparire se favorita da:

  • forte raffreddore
  • presenza di polipi nasali
  • difetti anatomici (ad esempio la deviazione del setto nasale)
  • infezione ai denti non curata
  • inquinamento
  • fumo
  • immersioni subacquee
  • viaggi ad alta quota

Sinusite: i sintomi

In presenza di sinusite, la persona che ne affetta tenderà ad avvertire uno o più dei seguenti sintomi:

  • dolore al viso, localizzato sulla fronte, sopra e sotto gli occhi e sulla mascella
  • febbre
  • mal di testa
  • tosse e catarro
  • ostruzione nasale
  • riduzione dell’olfatto
  • riduzione del gusto
  • secrezione di pus giallo-verdastra

Sinusite: i rimedi naturali

Quando la sinusite si presenta in forma normale, senza complicazioni che richiedano il consulto di un medico (in genere rappresentate da gonfiore del volto, difficoltà nella respirazione oppure nella presenza di sangue nel muco), si può far ricorso ad alcuni rimedi naturali per cercare di alleviarne i sintomi. Fra i più efficaci è possibile provare:

  • asciugamano sul volto – da applicare sul volto massimo quattro volte al giorno, dopo averlo immerso in acqua tiepida e averlo strizzato bene, e avendo cura di poggiarlo su fronte e gote;
  • bere molta acqua per fluidificare il muco;
  • l’acqua può essere sostituita da tisane di liquirizia, finocchio, salvia o anice (cui può essere aggiunto del miele);
  • suffumigi con principi attivi estratti da basilico, menta, eucalipto, rosmarino oppure arancio amaro.