L’intolleranza al lattosio è un tipo d’intolleranza molto diffusa ma erroneamente si pensa che basti eliminare totalmente dalla propria alimentazione tutti i latticini.

In molti non sanno però che  i latticini ed il lattosio se non vengono assunti, le conseguenze che si svilupperebbero, potrebbero essere molto gravi.Un esempio lampante è l’osteoporosi, ovvero una sorta di indebolimento delle ossa che deriva appunto dalla mancanza del calcio, elemento che le rende molto più deboli e meno resistenti (clicca qui per conoscere cause e rimedi dell’allergia al latte).

E’ possibile riconoscere l’intolleranza al lattosio dopo che gli elementi che lo contengono vengono ingeriti e assimilati?

Ovviamente sì, e tutti i sintomi generalmente colpiscono lo stomaco: il primo di questi sintomi è da collegare ad un fortissimo dolore, accompagnato da bruciori sono quelli più comuni (clicca qui per scoprire come curarli in gravidanza).

Bisogna però sottolineare che il dolore allo stomaco non si manifesta subito dopo aver ingerito latticini, dopo aver mangiato mozzarelle, formaggi etc… Può capitare infatti che il mal di stomaco si presenti il giorno dopo, oppure nel corso delle giornate successive, e solo raramente, nei casi cronici, si manifesta immediatamente.

Altri sintomi di questa patologia sono il gonfiore all’addome e la diarrea; in questi casi è bene cercare di bere acqua continuamente per non disidratarsi.

Infine flatulenze e meteorismo sono altri due sintomi che possono identificare questo tipo di intolleranza.

photo credit: ]babi] via photopin cc