Il virus dell’influenza 2015/2016 ha giocato d’anticipo rispetto agli anni precedenti ed è già stato diagnosticato in una paziente, ricoverata al reparto di Geriatria dell’Ospedale Sant’Orsola di Bologna. In questo modo è stato possibile isolare il virus ed identificarlo. Si è trattato del primo caso in Italia e di uno dei primi cinque in tutta Europa.

Sintomi influenza: tipo di virus

Il virus dell’influenza di quest’anno era già noto ai medici: si tratta dell’A/H3. Unica differenza rispetto agli anni precedenti, è appunto il fatto che il virus dell’influenza stagionale si sia presentato con netto anticipo. In genere è atteso per la seconda metà di novembre ma quest’anno si è palesato con un mese di anticipo, venendo identificato addirittura a metà ottobre.

Sintomi influenza: quali sono

Il virus dell’influenza stagionale di quest’anno, come in precedenza specificato, era già noto in ambito clinico. Dovrebbero essere già noti, di conseguenza, anche i suoi sintomi specifici. Tuttavia, come chiariscono i medici, sarà necessario studiare di nuovo la sintomatologia, per cercare di capire se le conseguenze del virus siano quelle già note oppure se vi siano delle novità in merito. Per capire questo bisognerà attendere i risultati clinici.

Sintomi influenza: prevenzione

In attesa della vaccinazione (il periodo ideale inizia a partire dalla prima settimana di novembre), è bene ricordare che uno dei metodi preventivi più efficaci per scongiurare il rischio di ammalarsi di influenza stagionale o di renderne più lievi i sintomi, resta proprio quello del vaccino. Quest’ultimo è consigliato soprattutto per le fasce più a rischio: anziani sopra i 65 anni di età, malati cronici e tutti coloro che soffrono di patologie respiratorie e che per qualsiasi ragione dovrebbero essere maggiormente tutelati dal virus influenzale (soprattutto per le eventuali complicanze che esso potrebbe portare).

La prevenzione contro l’influenza stagionale passa anche attraverso altri comportamenti da attuare. Fra questi i principali richiedono che ci si lavi le mani molto spesso (l’igiene è la prima regola di buona condotta per tutelare la propria salute), che si coprano bocca e naso in caso di starnuti o tosse, che si curi l’alimentazione (favorendo il consumo di cibi ricchi di vitamine e sali minerali – come frutta e verdura), che si resti a casa quando iniziano a comparire i sintomi iniziali dell’influenza.