Colon irritabile, detta anche colite è una patologia che tende ad aggravarsi in particolari momenti di stress, oppure in seguito ad un’alimentazione tutt’altro che corretta.

Quali sono i sintomi che permettono ad un paziente di capire quando è affetto da colon irritabile?

Il primo segnale è da ricercare nella formazione delle feci, una volta che queste vengono espulse dal proprio organismo: se in esse e presente del muco, il paziente potrà dedurre che il suo colon è altamente irritato, e che l’irritazione è arrivata alla sua fase peggiore, ovvero alla fase acuta.

Se questo non bastasse per capire che si tratta di colon irritabile, il suo metabolismo gli manderà chiari segnali: è infatti molto probabile che il paziente alterni periodi dove è stitico, che generalmente durano tre o quattro giorni, e periodi dove viene colto da diarrea continua, con questa fase che ha una durata uguale al periodo di stitichezza.

La digestione lenta e l’alitosi poi sono altri sintomi che generalmente si manifestano quando si soffre di colon irritabile: digerire anche un cracker sarà infatti un qualcosa di molto lento, e questo addirittura potrebbe restare sullo stomaco al paziente, mentre un alito non proprio fresco, ma anzi abbastanza pesante malgrado ci si lavi i denti e si usa collutorio dovrebbero far capire al paziente che il suo colon è molto irritato.

Se questo non bastasse, altri sintomi che ne facilitano il riconoscimento sono meteorismo, gonfiore addominale e sopratutto un fortissimo dolore che parte dalla zona sinistra dello stomaco per poi estendersi su tutta la pancia: tutti questi sono quindi i sintomi che permettono al medico di capire che il suo paziente è affetto da colite, e che quindi bisogna intervenire prima che la situazione peggiori.

Cosa bisogna fare quindi per guarire?

Semplice: la cura migliore, se si tratta di semplice colite, consiste nel cercare di evitare di innervosirsi o di stressarsi troppo e cambiare alimentazione, seguendo una dieta ricca di alimenti che non irritino ulteriormente il colon, come ad esempio fette biscottate al posto del pane e mangiare cibi ricchi di proteine.

photo credit: alfrephoto via photopin cc