Quando si ha una carenza di ferro i sintomi sono tanti, e tra questi, i più eclatanti sono: debolezza, affaticamento, fiato corto, battito cardiaco irregolare, pelle e mucose pallide, ulcere sulla lingua, capogiro e mal di testa, sonnolenza, sincope, unghie concave al centro, sindrome delle gambe senza riposo, rigonfiamento della milza e sensibilità al freddo.

Al persistere di uno di questi sintomi, quindi, è estremamente importante rivolgersi al proprio medico e sottoporsi a esami più approfonditi. Alcuni di questi sintomi, inoltre, sono comuni anche a un eccesso di ferro nel sangue, che contrariamente a quanto si possa pensare porta parecchi disturbi.