L’appendicite è una di quelle infiammazioni che riguardano l’appendice, ovvero la parte finale dell’intestino crasso, e che assolutamente non deve essere sottovalutata: se infatti non si considerassero i vari sintomi che la contraddistinguono, il paziente rischierebbe la peritonite, peggiorando quindi una situazione tutt’altra che piacevole e sopratutto positiva.

Ma quali sono i sintomi che permettono di capire il problema?

Il primo sintomo che generalmente si manifesta è un fastidiosissimo dolore addominale, che parte dall’ombelico e si sposta verso la zona destra del corpo, dove appunto si trova l’appendice. Si tratta di un dolore molto forte ed improvviso che, nel caso in cui questo si manifesti di notte, potrebbe addirittura svegliare il malato.

Il dolore tenderà ad aumentare sempre più insieme al gonfiore addominale. Tra i sintomi anche: nausea, vomito, febbre che non supera i trentotto gradi, flatulenza.

Ovviamente però, vi sono anche altri segnali minori, come: stitichezza e ostruzione intestinali, infiammazioni intestinali possono manifestarsi ed aggravare ulteriormente la situazione.

Quando i dolori diventano insopportabili è bene recarsi dal medico o addirittura all’ospedale, in maniera tale che l’intervento sia tempestivo prima che l’appendicite degeniri in peritonite.

photo credit: vignettando con Dario Levi via photopin cc