Il trattamento fitoterapico della sindrome premestruale si basa sull’impiego di miscele di erbe. Per esempio, l’igname selvatico (Dioscorea villosa) e il viburno palla di neve (Viburnum opolus) allevia nei campi mestruali e, sul lungo periodo, aiutano a regolarizzare il ciclo e l’equilibrio ormonale.

DISINTOSSICAZIONE

Le radici di tarassaco (Taraxacum officinale) stimolano la funzionalità epatica e intestinale, promuovono la disintossicazione e l’eliminazione degli estrogeni. Il miglioramento del metabolismo epatico riduce anche il carico a livello renale.

AGNOCASTO

Alcune erbe favoriscono l’equilibrio ormonale agendo sull’ipofisi, piccola ghiandola endocrina responsabile della produzione di numerosi ormoni. Per esempio, l’agnocasto (Vitex agnus-castus) inibisce la secrezione di diversi ormoni, fra i quali la prolattina. È l’erba impiegata più di frequente nel trattamento della sindrome premestruale in quanto aiuta a regolare il ciclo, promuovendo l’equilibrio ormonale. Studi clinici condotti su oltre 5000 donne ne hanno riscontrato gli effetti benefici per la sindrome (e, in misura minore, per il dolore al seno). Fra le altre erbe ad azione ormonale, uno è Chamaelirium luteum, promotrice della funzione ovarica.

ERBE RILASSANTI

Oltre a consigliare l’attività fisica è molto riposo, il fitoterapeuta prescrive, se è opportuno, delle erbe rilassanti e adattogene (che aiutano l’organismo ad adattarsi allo stress) come withania (Withania somnifera). Se vi sono turbamenti emotivi quali irritabilità nervosa, consiglia erbe rilassanti o stimolanti come l’iperico (Hypericum perforatum). Altri fitoterapia ci utili a trattare l’irritabilità sono la scutellaria (Scutellaria laterifolia), la verbena (Verbena officinalis) e i fiori di tiglio (Tilia cordata).

OLIO DI ENAGRA

Le ricerche sul valore terapeutico dell’olio di enagra (Oenothera biennis) hanno dato risultati controversi. Tuttavia, la sostanza è una fonte ricca di acido gamma-linoleico (GLA). Poiché alcune evidenze indicano che le donne che soffrono di sindrome premestruale hanno difficoltà a metabolizzare l’acido linoleico, che l’organismo converte poli in GLA, vi è motivo per ritenere che un’integrazione di GLA possa avere effetti benefici. Si può assumere l’olio nella dose di 3-4 g al giorno, per diversi cicli mestruali. Può rivelarsi particolarmente efficace in caso di indolenzimento del seno e di mastopatia fibrocistica.

Attenzione: prima di assumere rimedi fitoterapici, consultate un fitoterapeuta se si assumono già farmaci da prescrizione.