In occasione della Giornata mondiale sulla sindrome di Down, CoorDown – in collaborazione con Saatchi & Saatchi New York – ha diffuso uno spot molto emozionante su come i pregiudizi possano influire nella nostra vita e di come sia assolutamente necessario abbatterli. Il titolo dello spot, che fa eco alla campagna di sensibilizzazione a favore della sindrome di Down, si intitola Come mi vedi? (in originale How do you see me?) e vedi come protagoniste l’attrice Oliva Wilde e Anne Rose, una ragazza affetta proprio dalla sindrome di Down.

Lo spot parte con Olivia Wilde che si guarda allo specchio e con una voce che in background chiede: “Come mi vedete?“. Da qui una sequenza di momenti della vita in cui Olivia Wilde veste i panni di figlia, amica, compagna, di donna che è felice, che ha voglia di divertirsi ma che ha pure i suoi momenti di sconforto. Una persona normale, insomma, proprio come quella che appare al termine dello spot, dall’altra parte dello specchio che rifletteva l’immagine di Olivia Wilde, Anne Rose, la ragazza affetta dalla sindrome di Down che chiede di essere vista come una persona comune, che vive, gioisce, si dispera, ha sogni e vuole divertirsi come chiunque altro al mondo.

Come spiega CoorDaown (Coordinamento nazionale associazioni delle persone con sindrome di Down), Anne Rose e tutte le persone che come lei sono affette dalla sindrome di Down, non chiede di essere considerata diversa né lei stessa rinnega la sua condizione: Anne Rose e tutte le persone che hanno la sua sindrome chiedono soltanto di essere considerate persone normali, che vogliono vivere una vita bellissima come chiunque altro.

Lo spot contro i pregiudizi si è dunque fissato l’obbiettivo di contribuire a cambiare la percezione che si ha della sindrome di Down, mostrando un concetto di disabilità che non è limite ma diversa prospettiva.

Ecco il video dello spot con Olivia Wilde e Anne Rose: