Dormire tanto, nonostante le varie credenze metropolitane, fa male alla salute e ne sa qualcosa Beth Goodier,una ragazza britannica di 20 anni che ha raccontato la sua incredibile storia alla BBC. Beth soffre di una patologia davvero rara che colpisce solamente mille persone al mondo chiamata sindrome di Kleine-Levin che la “costringe” a dormire anche 22 ore di seguito. Siamo di fronte a una vera e propria bella addormentata che, contrariamente a quando accadde alla principessa Aurora, non vive la sua vita come una favola.

Quella di Kleine-Levine è una patologia neurologica che mostra i primi segnali attorno ai 15 anni, come ha spiegato il neurologo Guy Leschziner durante il servizio televisivo che inizialmente resta quasi nascosta per poi insorgere nel bel mezzo dell’adolescenza. Beth riesce a restare sveglia solo 2 ore al giorno e per quel poco tempo di lucidità, come da manuale, soffre di irritabilità, disorientamento, mangia eccessivamente e mostra comportamenti infantili. “Voglio essere in grado di fare qualcosa di produttivo nel momento in cui sto bene … voglio essere produttiva per la società” ha dichiarato la ragazza su YouTube manifestando tutto il suo disagio per questo disturbo che le sta letteralmente rovinando la vita. E’ una patologia per cui non esiste una cura ma secondo gli specialisti la malattia, così com’è arrivata, può scomparire improvvisamente dopo i 15 anni di vita.

La madre della bella addormentata britannica ha dovuto abbandonare il lavoro per prendersi cura della figlia che, colpita da continue crisi di narcolessia, ha bisogno di continua assistenza durante il sonno. La ragazza, infatti, viene nutrita mentre dorme e ha bisogno che qualcuno si occupi di spostare il suo corpo sul materasso per evitare l’insorgere di piaghe da decubito. Beth non riesce ad avere di conseguenza una vita normale, quella che tutte le 20enni vorrebbero vivere tra università e amicizie per colpa di una sindrome che sì porta il nome di una favola ma che per Beth si è trasformata in un vero e proprio incubo.

photo credit: Eric.Parker via photopin cc