La cosiddetta sindrome del marito pensionato non è una novità; lo è, però, che pure la moglie venga contagiata. E allora cominciano i dolori, reali e metaforici: costante mal di testa, nervosismo per tutta la giornata, che continua di notte perché non si riesce ad addormentarsi. La colpa è di lui, che senza lavoro ha iniziato a gironzolare per casa, guardando tutto quello che fa la sua donna.

Cose che prima non lo interessavano minimamente perché troppo assorbito dal suo lavoro. E in quel momento, la compagna magari avrebbe voluto un po’ di aiuto e di interesse. Ora no, invece. Lo studio scientifico arriva dall’Università di Bonn, che parla appunto di “sindrome del marito pensionato che colpisce anche la consorte”.

La stessa malattia, recentemente, è stata messa sotto la lente d’ingrandimento da Marco Bertoni e Giorgio Brunello, ricercatori dell’Università di Padova. Ebbene, per ogni anno di pensione di lui, ci sono 5 – 7 punti percentuali di possibilità che si ammali la donna. Meglio quindi cercarsi un hobby all’arrivo della pensione. Per lui, ma soprattutto per lei.