Siete dei fumatori accaniti che non riuscite a rinunciare alla sigaretta quando siete al volante? Un incentivo per rinunciare a questa malsana abitudine, se non addirittura a smettere di fumare, è uno studio che evidenzia quello che accade nel momento in cui si accende e si fuma una sigaretta all’interno della propria automobile.

Lo studio è stato condotto da team di ricercatori scozzesi dell’università di Aberdeen e pubblicato Tobacco Control. Lo studio si è svolte nell’arco di tre giorni e sono stati presi in considerazione 14 guidatori fumatori e 3 non fumatori per un totale di 104 viaggi della durata media di 27 minuti.

Misurando con uno speciale detector le concentrazioni di particolato sottile nelle diverse automobili, i ricercatori hanno potuto constatare che, quando uno dei guidatori accende una sigaretta, il livello di queste sostanze passa da 7,4 microgrammi di polveri per metro cubo d’aria a 85 microgrammi/metro cubo, con livelli che arrivano a 385 microgrammi/m3 in base alla quantità di sigarette fumate.

Fumare in macchina mette a rischio la salute di tutte le persone al suo interno, in quanto si tratta di una sovraesposizione al fumo passivo, che può avere effetti particolarmente nocivi soprattutto sui bambini.

I bimbi sono più a rischio a causa di una maggior frequenza respiratoria, di un sistema immunitario meno sviluppato e del fatto che spesso sono troppo piccoli per avere la possibilità di spostarsi a seconda della direzione del fumo, in modo da evitarlo.