Per quanto non si sia ancora ben capito se la sigaretta elettronica faccia male o no, il dispositivo è già in commercio da diverso tempo ed è stato uno dei regali più acquistati nelle ultime festività natalizie. Tralasciando quindi il giudizio sulla possibilità che possa far correre rischi alla salute a chi di competenza, vediamo praticamente come funziona.

La sigaretta elettronica si compone di tre parti:

- l’atomizzatore: è il corpo della sigaretta. Riscalda il liquido contenuto nel serbatoio, creando una sospensione gassosa (vapore acqueo) che trasporta gli aromi contenuti nel liquido. Non essendoci combustione, le sostanze non vengono alterate, ma creano l’effetto fumo. Il cosiddetto “colpo in gola” o “hit” tipico della aspirazione della sigaretta tradizionale è dato esclusivamente dalla nicotina ed è proporzionale alla sua concentrazione nel liquido;

- la batteria: composta da celle agli ioni di litio, è ricaricabile. La sua funzione è quella di energizzare la resistenza posta sull’atomizzatore e vaporizzare il liquido contenuto nel serbatoio. Per questo motivo, l’ atomizzatore è anche chiamato vaporizzatore;

- corpo, beccuccio e tappo anti-polvere: il corpo protegge l’atomizzatore ed è dotato di una feritoia dalla quale è possibile verificare il livello del liquido nel serbatoio. Il beccuccio altro non è che il bocchino della sigaretta; il tappo, con incastro a baionetta o a vite, serve a proteggere igienicamente il beccuccio dalla polvere nel caso ci si trovi in luoghi particolarmente sporchi.

Fumare la sigaretta elettronica è semplicissimo: basta assemblare il corpo con la batteria carica e l’atomizzatore, inserirvi 3-4 gocce di liquido, inserire il beccuccio ed iniziare ad inalare. Se la batteria è carica all’estremità si illumina una luce led (che ne indica il funzionamento). 16-20 inalazioni di una sigaretta elettronica corrispondono a fumare una sigaretta tradizionale, 3-5 gocce di ricarica liquida corrispondono all’equivalente di circa 10 sigarette tradizionali. Appena si smette di fumare la sigaretta va in stand-by.

photo credit: planetc1 via photopin cc