Dopo aver provato un’esperienza traumatizzante come quella dell’infarto, molte persone tendono a fare una vita molto meno attiva sotto alcuni punti di vista. Se alcune scelte, dopo un episodio di infarto, possono essere del tutto comprensibili (si parla, ad esempio, di smettere di fumare, di bere alcolici oppure di mangiare cibi grassi), altre invece appaiono del tutto ingiustificate. In merito a quest’ultimo punto, ci si riferisce soprattutto al sesso e all’attività sessuale.

Sesso dopo infarto: la ricerca

A confermare il fatto che il sesso non sia rischioso dopo aver avuto un infarto arriva uno studio tedesco sulla questione. Secondo i ricercatori, infatti, fare l’amore non sarebbe molto più rischioso del salire una rampa di scale o di camminare a passo sostenuto ma anzi, sarebbe persino un’attività da incoraggiare.

I risultati dello studio su cinquecento persone sopravvissute ad infarto avrebbero infatti rivelato che l’attività sessuale non avrebbe quasi alcuna correlazione con il primo episodio di infarto mentre fra coloro che lo avevano già subito, nuovi eventuali episodi non erano comunque legati al sesso e non vi sarebbe alcun collegamento.

Sesso dopo infarto: il parere medico

Tenendo conto del fatto che non è stata mai provata una correlazione tra attività sessuale e infarto, i medici non sconsigliano affatto di riprendere l’attività sessuale dopo il periodo di recupero. È chiaro, però, che la situazione possa apparire diversa in base ai singoli casi: gli episodi di infarto possono essere di varia entità. Infarti che hanno comportato grandi scompensi, ad esempio, richiedono maggiore cautela, anche con la ripresa dell’attività sessuale.