Scipione è il nome che quest’anno è stato dato alla prima vera ondata di afa arrivata sulla nostra penisola dall’area africana.

Un caldo anticipato che segna l’inizio vero e proprio dell’estate. Nulla di allarmante, siamo abituati all’afa, ma è comunque importante prendere delle precauzioni per evitare malori e disagi.

Sul sito del Ministero della Salute è stato pubblicato un vademecum per proteggersi da eventuali pericoli legati all’ondata di caldo africano, che porterà le temperature fino a 34/35 gradi, da seguire scrupolosamente soprattutto quando si tratta di bambini, anziani e persone che soffrono di patologie pregresse.

Saranno soprattutto le grandi città a subire gli effetti dell’afa a causa della mancanza di ventilazione e delle superfici asfaltate che si riscaldano molto in fretta e che contribuiscono a ad aumentare la sensazione di calore. Infatti, Scipione sarà caratterizzato da un alto tasso di umidità che farà avvertire un caldo molto maggiore di quanto non siano le temperature effettive.

I consigli sono quelli classici: non uscire nelle ore più calde della giornata, indossare indumenti freschi e chiari (evitare gli indumenti sintetici che non lasciano traspirare la pelle) e mantenere il corpo idratato bevendo molta acqua e mangiando frutta e verdura fresche, in particolar modo quelle colorate che contribuiscono a reintegrare sali minerali e vitamine che si perdono con la sudorazione.