La schizofrenia è un disturbo mentale devastante, probabilmente il più angoscioso e disabilitante dei disturbi mentali gravi.

Questa patologia è spesso descritta in termini di sintomi “positivi” e “negativi”.

Per positivi intendiamo quelli che non si verificano normalmente nelle persone sane, ma sono presenti nelle persone affette da schizofrenia. Questi sintomi possono essere deliri, pensieri disordinati e di parola e allucinazioni tattili, uditive, visive, olfattive e gustative. I sintomi positivi generalmente rispondono bene ai farmaci.

I sintomi negativi possiamo definirli come i deficit delle normali risposte emotive o di altri processi di pensiero. Questi ai farmaci rispondono meno bene. Essi comprendono, solitamente, una sfera affettiva piatta, scarsità a provare emozioni, alogia, anedonia, asocialità e abulia.

Le ricerche ci confermano che i sintomi negativi contribuiscono maggiormente alla scarsa qualità della vita, alla disabilità funzionale e comportano un forte peso per gli altri più di quanto non facciano i sintomi positivi.

Prevenire questa patologia è davvero difficile, però la psicoterapia cognitivo-comportamentale può ridurre il rischio di sviluppare psicosi nei soggetti ad alto rischio.

photo credit: Funky64 (www.lucarossato.com) via photopin cc