La scarlattina solitamente, è una malattia che colpisce soprattutto i bambini e spesso, come la varicella ed il morbillo, il contagio avviene a scuola.

Capire i sintomi  non è complicato, poiché questo malattia infettiva si presenta con caratteristiche evidenti e ben riconoscibili dopo 2-5 giorni dal contagio.

I sintomi tipici di questa malattia sono: una febbre alta, che generalmente si assesta sui trentanove o quaranta gradi, seguita da forti brividi di freddo. Inizialmente questi potrebbero sembrare i classici sintomi di una banale influenza, ma in contemporanea può manifestarsi un fortissimo mal di testa e anche qualche capogiro.

Entro 12-48 ore compare il tipico esantema rosso scarlatto (pustole rossastre sulla cute) che inizia all’inguine, alle ascelle e al collo, per poi generalizzarsi, nell’arco di 24 ore, a tutto il corpo.

Compare un infiammazione della faringe (faringite) che si manifesta con senso di costrizione alla gola e deglutizione dolorosa e infine la lingua si ricopre dapprima di una patina bianca e poi, diventa di colore rosso vivo con papille gustative rosse in rilievo così da ricordare la superficie di un lampone.

Come si cura? solitamente con antibiotici attivi sull’infezione streptococcica e somministrando antifebbrili e idratando adeguatamente il malato. Va comunque consultato il proprio medico di fiducia prima di intervenire con qualsiasi tipo di terapia.

photo credit: Soleterre via photopin cc